Fiat: resteranno a casa i tre operai reintegrati dalla sentenza d’Appello

Posted On 24 feb 2012

“State a casa”. La Fiat in un telegramma inviato ai tre operai dello stabilimento di Melfi, reintegrati dalla Corte d’Appello di Potenza, comunica di «non ritenere necessario, allo stato attuale, di avvalersi della loro prestazione lavorativa».

Dunque, Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli non torneranno a lavorare. La casa automobilistica pagherà i loro stipendi, ma non gli permetterà di tornare in fabbrica. Una decisione analoga a quella di agosto 2010, quando dopo l’accoglimento del ricorso per condotta antisindacale, ai tre lavoratori fu concessa solo la permanenza nella sala delle Rsu. La guerra legale tra Fiat e Fiom prosegue

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento

*