Bimbi adottati e in viaggio: cura e prevenzione

Posted On 31 Mag 2011

Si svolge domani, 1° giugno, nell’Aula Magna dell’ospedale infantile Regina Margherita, il convegno “Attualità in pediatria: adozioni internazionali, viaggi e migrazioni”. Un’occasione per fare il punto anche sui temi legati alle malattie d’importazione. Il progressivo aumento delle adozioni internazionali ha, infatti, fatto emergere particolari esigenze assistenziali e socio-sanitarie nei bambini adottati e nelle loro famiglie. Sono perciò stati creati centri specialistici multidisciplinari di accoglienza sanitaria: l’ambulatorio del Regina Margherita, pilastro della rete sanitaria ambulatoriale che coinvolge la Clinica pediatrica dell’ospedale Maggiore di Novara e il reparto di Pediatria dell’ospedale di Verbania, ha accolto in poco più di un anno di attività oltre 120 bambini. Allo stesso modo, i flussi migratori hanno determinato nuove problematiche di sanità pubblica, con l’aumento di patologie di importazione e la ricomparsa di malattie quasi debellate sul suolo italiano. Il bambino viaggiatore che si reca o proviene da Paesi con particolari situazioni sanitarie ha, infine, bisogni assistenziali particolari in termini di prevenzione e di cura. Il convegno sarà diviso in due sessioni. La prima (inizio ore 8.30) tratterà: “Le adozioni internazionali: aspetti legislativi, problematiche sanitarie e socioassistenziali”, mentre la seconda (dalle 11.45) riguarderà: “Le malattie di importazione e del bambino viaggiatore”.

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento