FSE3 1180×45

Villa Taranto riapre al pubblico

Posted On 13 Mar 2018

Villa Taranto

I Giardini Botanici di Villa Taranto di Verbania riapriranno al pubblico giovedì 15 marzo per terminare la stagione turistica domenica 4 novembre, dopo 235 giorni di apertura ininterrotta.

L’aspetto odierno dei Giardini di Villa Taranto non è un frutto spontaneo, ma il risultato, plasmato nel tempo di una laboriosa elaborazione intrapresa dal Capitano Mc Eacharn nel 1931. Entrare nei giardini è come compiere un viaggio attraverso paesi lontani. Oggi il patrimonio botanico dei Giardini di Villa Taranto è vastissimo: comprende circa 1.000 piante non autoctone e circa 20.000 varietà e specie di particolare valenza botanica.

Il parco, di 16 ettari, sarà inaugurato con le fioriture primaverili di edgeworthie, prunus, magnolie e forsythie, con i loro colori tenui e delicati. Dipingeranno il giardino le migliaia di bulbose di narcisi, tulipani e muscari armeniacum. Seguiranno poi le maestose macchie di Rododendri e Azalee che tappezzeranno gran parte delle zone ombrose.

Durante i mesi estivi con le sue enormi foglie e il suo fiore dal colore bianco i visitatori potranno ammirare la ninfea tropicale “Victoria Cruziana”.  Dalla fine di luglio, inoltre, una raccolta di dalie creerà un percorso denominato “labirinto” all’interno del quale i turisti potranno passeggiare circondati da corolle di oltre 10 centimetri di diametro.

Una novità di questa stagione turistica sarà l’inaugurazione di Pavillon“, una nuova struttura adibita al supporto di eventi o manifestazioni in caso di cattivo tempo. È stato previsto quale punto di osservazione dei Giardini Terrazzati e di riparo nelle giornate troppo assolate o troppo piovose.

In seguito al successo della scorsa stagione l’amministrazione dell’Ente ha deciso di destinare una parte delle risorse alla pubblicità su suolo svizzero, riconfermando la partnership con le Ferrovie Svizzere BLSÈ stata rinnovata la collaborazione con l’amministrazione del Colosso di San Carlo Borromeo ad Arona e la convenzione con Trenord

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento