Candiolo 5×1000

Politica e azioni: conseguenze in borsa post elezioni

Posted On 12 Apr 2018

Chi saranno i nuovi protagonisti della sfera politica italiana? Dopo oltre due settimane dalle elezioni, tra supposizioni, speranze e dibattiti lo scenario è ancora incerto. Nonostante i buoni risultati ottenuti dal Movimento 5 stelle di Luigi di Maio che ha ottenuto oltre il 32% dei voti sia alla camera che al senato, e dal centro destra con la percentuale maggiore della Lega di Matteo Salvini con il 17%, nessuna coalizione né partito ha ottenuto la maggioranza necessaria a governare. Tra gli elettori oggi c’è chi spera nella formazione di un governo tecnico, chi teme una collaborazione tra partiti e chi ripone le sue ultime speranze in un ritorno alle urne. Qualunque sia il risultato finale una cosa è certa: le elezioni politiche del 4 marzo hanno portato a un’instabilità nel tessuto sociale italiano. Tutti si domandano cosa accadrà sul piano politico, ma una domanda a cui si pensa un po’ meno spesso è questa: quali effetti hanno avuto le elezioni politiche sui mercati azionari?

A perdere Mediaset di Berlusconi

La mattina dopo le elezioni Piazza Affari ha aperto negativamente con un calo del 2 per cento. Un risveglio che non pareva essere dei migliori, ma che in breve tempo si è risollevato. Contrariamente a quanto alcuni temevano infatti la borsa italiana ha resistito all’esito delle elezioni. Uno dei dati più interessanti però per quanto riguarda le conseguenze post risultati elettorali – come si può osservare sul sito della borsa italiana – è quello della perdita di quote di Mediaset.  Una delle aziende italiane maggiormente attive nel mondo della comunicazione di cui il maggior azionista è Silvio Berlusconi. Lo stesso leader che per anni ha rappresentato l’immagine della destra sul palcoscenico della politica italiana. Conosciuto per essere un imprenditore prima che un politico, Berlusconi non è riuscito a portare, nonostante la sua ‘fama’, il partito di Forza Italia in alto nei risultati, ottenendo solamente il 14% dei voti sia alla camera che al senato. Un risultato che si è proiettato immediatamente così anche sul potere azionario di Mediaset, che ha iniziato a perdere quote sin dalla mattina del 5 marzo. Come mai però questo è avvenuto? Semplice: un soggetto che perde credibilità in una sfera sociale, automaticamente perde credibilità anche nelle altre. A maggior ragione le persone quando investono hanno bisogno di sicurezza, e un soggetto che perde credibilità nella sfera politica è un soggetto che non trasmette un messaggio di fiducia e sicurezza.

Tenersi aggiornati

In un periodo di instabilità nazionale come lo è questo non si può mai essere certi degli andamenti di mercato, per questo motivo tenersi costantemente aggiornati diventa ancora più importante. A questo scopo ci sono differenti siti online, ma anche direttamente pagine di social network che permettono di effettuare un continuo aggiornamento, come ad esempio trade.com. Conoscere le news di mercato, informarsi sul cambio di valute e poter direttamente fare attività di trading tramite le piattaforme online con trade.com può essere infatti uno dei modi per gestire quella che è l’incertezza odierna dei mercati.

 

Le informazioni pubblicate su questo articolo hanno finalità informativa, e/o pubblicitaria/promozionale e non sono in alcun modo da intendersi né come consulenza, né come sollecitamento all’investimento.

Le attività di trading comportano un alto livello di rischio e non sono adeguate a tutti gli investitori.

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento