Candiolo 5×1000

Vinitaly: Piemonte protagonista con 17 etichette Docg e 42 Doc

Posted On 16 Apr 2018

 

 

Il Padiglione Piemontese – composto da oltre duecento produttori, piccole e medie aziende, cantine, consorzi di produzione e tutela – è stato inaugurato ieri, 15 aprile, al Vinitaly di Verona che proseguirà fino al 18 aprile. Lo spazio Piemontese è stato voluto dalla Regione insieme con UnionCamere e Land of Perfection, il consorzio che unisce tutti i consorzi del vino piemontese.

Il territorio vanta una produzione di 2,5 milioni di ettolitri, oltre la metà destinata al mercato estero; inoltre, al Vinitaly saranno presenti 42 vini doc e 17 docg apprezzati soprattutto dai Paesi dell’Unione europea e simboli della qualità del Piemonte e del Made in Italy.

“Tutti insieme, non solo perché è un dovere, ma anche perché è una grande opportunità, soprattutto in un momento in cui le cose del vino vanno bene, – spiega l’assessore all’Agricoltura della Regione Piemonte Giorgio Ferrero – tutti insieme per innovare, per stare sempre al passo con i tempi”.
Inoltre, Ferrero ha annunciato che si terrà in Piemonte l’iniziativa finale del mondiale di vini estremi, cioè vini prodotti da vigneti coltivati in forte pendenza.

Della produzione vinicola si occupano imprese industriali, cooperative, consorzi di tutela ma al Vinitaly sono presenti soprattutto le piccole e medie aziende agricole, con l’obiettivo di consolidare e sviluppare il rapporto con il mercato internazionale. “La partecipazione sempre più significativa di aziende a Vinitaly ribadisce l’importanza di questa vetrina – afferma Filippo Mobrici, presidente di Piemonte Land of perfection – e la scelta di presentarci come un’unica entità si conferma vincente”.

Verrà, inoltre, proposto il “Ristorante Piemonte”, per combinare vini locali e piatti della tradizione piemontese curati da chef piemontesi stellati: Davide Palluda del Ristorante all’Enoteca di Canale d’Alba e Walter Ferretto del Cascinalenuovo di Isola d’Asti.

Infine, Roberto Teobaldo Costa, titolare con il fratello dell’azienda vitivinicola Teo Costa di Castellinaldo nel Cuneese, è il designato Piemontese per il Premio “Angelo Betti” conferito ogni anno ai meritevoli della vitivinicoltura segnalati dalle Regioni.

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento