A Pavarolo una domenica tra arte e natura, allo Studio Museo Felice Casorati


Oggi, domenica 9 giugno, alle 16, un incontro approfondisce il tema della pittura di paesaggio nella produzione del maestro del Novecento Felice Casorati, insieme alla storica dell’arte Virginia Magnaghi. L’appuntamento si svolge all’interno di Casa Casorati, in via Maestra 31.

Segue, alle 17,30, una passeggiata botanica e paesaggistica nel Giardino degli Artisti, a lato dello Studio Museo Casorati, a cura di Edoardo Santoro e dell’associazione Sguardo nel Verde. Il percorso, della durata di circa un’ora, sarà occasione per scoprire il valore botanico e paesaggistico della collina pavarolese con un approfondimento sulle piante di boschi e prati che hanno composto il paesaggio in ogni epoca storica e sono stati anche soggetto di quadri di Casorati.

Dalle 15 alle 18,30 sarà anche possibile visitare lo Studio Museo Felice Casorati che ospita la mostra “Beldy, seta, cotone, lana, raso”.

L’incontro approfondisce il tema della pittura di paesaggio nella produzione di Felice Casorati (1883-1963), il maggior pittore torinese del primo novecento che fu anche cittadino di Pavarolo dagli anni trenta. Virginia Magnaghi, già allieva della Scuola Normale
Superiore e assegnista all’Università di Trento, esplorerà i paesaggi dipinti da Casorati negli anni
tra le due guerre, dalla Toscana alla Liguria, dalle valli alpine alle colline del chierese.

“Una lotta geometrica” così Piero Gobetti leggeva i paesaggi del giovane Felice Casorati;
eppure, aggiungeva subito dopo, quei paesi avevano anche la spensieratezza dei “giochi”. Spazi
d’ordine e allo stesso tempo di libertà, i quadri di natura dipinti dall’artista negli anni tra le due
guerre appaiono effettivamente sospesi tra il rigore delle colline coltivate e la leggerezza della
pittura all’aperto, realizzata con materiali agili e su piccoli formati. Provare a osservarli più da
vicino significherà addentrarsi in contraddizioni di questo tipo, sospesi tra i vincoli posti dalle
convenzioni pittoriche e l’immediatezza del paesaggio ‘reale’, osservato dal vero.

L’incontro, a cura di Filippo Bosco, fa parte del programma del Festival del Paesaggio di Chieri e
sarà ospitato nella casa di Felice Casorati a Pavarolo, immersa nel paesaggio collinare più volte
ritratto en plein air dall’artista.

La visita alla mostra di Beldy e tutti gli eventi sono a ingresso gratuito.

Leave a Reply