Chi è Giovanni Cottino, “Torinese dell’anno 2020”


Giovanni Cottino, “Torinese dell’anno 2020”

Giovanni Cottino nasce a Torino nel 1927 e nel 1950 si laurea in Ingegneria Meccanica al Politecnico.

Dopo varie esperienze di lavoro, anche all’estero, torna in Italia e nel 1975 crea la Plaset, società di grande successo imprenditoriale, che produce motori per lavatrici, lavastoviglie e asciugatori di biancheria.

L’impronta di Cottino quale “uomo, imprenditore e filantropo” prende vita nel 2002, anno in cui, condividendo con la moglie Annamaria l’ideale strutturato di “restituzione” e la sensibilità verso i più bisognosi, decide di costituire la “Fondazione Giovanni e Annamaria Cottino”.

Durante l’emergenza alimentare Covid-19, la Fondazione Cottino ha deciso di intervenire a supporto di coloro che, per effetto del lockdown dovuto alla crisi pandemica nonché all’aggravarsi delle condizioni economiche, hanno perso il lavoro o hanno dovuto chiudere l’attività, così come a supporto delle persone che non godono di sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati.

La Fondazione delibera 500mila euro per l’acquisto e la donazione di beni e prodotti alimentari a sostegno di oltre 15mila famiglie torinesi più bisognose e distribuendo gli aiuti in concerto con il Comune di Torino, con l’associazione Damamar della Congregazione dei Giuseppini del Murialdo e con la rete Torino Solidale già attivi sul fronte dell’emergenza alimentare.

La cerimonia Torinese dell’anno, 2020 e 2019 (l’anno scorso non si era tenuta per causa Covid) si terrà domenica 13 giugno 2021, in concomitanza con il 68° “Premio della Fedeltà al Lavoro e per il Progresso Economico” e la sesta edizione dei “Diplomati eccellenti tecnici e professionali”, sempre conferiti dall’ente camerale.

Per la prima volta la cerimonia si svolgerà interamente in modalità online.

Scopri di più su www.to.camcom.it/torinesi-dellanno-2019-2020

Leave a Reply