All’asta a Torino il guantone autografato da Muhammad Ali

Posted On 13 Giu 2019
** FILE ** Muhammad Ali, right, lands a blow to the head of Joe Frazier in the eighth round of their Jan. 28, 1974, boxing bout in New York’s Madison Square Garden. After 82 years, Madison Square Garden will retire its storied boxing ring and donate it to the International Boxing Hall of Fame, where it will go on display this fall. (AP Photo/Richard Drew)

Sono sempre di più i giochi, come le roulette, che affascinano migliaia di appassionati con la speranza di potersi aggiudicare un qualche tipo di premio, grande o piccolo che sia. Non importa il valore: l’importante è vincere, poi, certo, se la posta in palio è alta, ancora meglio. Ovviamente la componente della fortuna è molto importante in questi giochi. Come per questo tipo di intrattenimento, anche le aste generano grande attesa, nonostante la sorte e il gioco sono due elementi molto più lontani da questa attività.

In particolare però qui parliamo di un oggetto di grande valore, almeno per quello che viene attribuito dagli appassionati. La casa d’aste Bolaffi di Torino vende un raro cimelio sportivo con la firma di Muhammad Ali. Nato con il nome di Cassius Marcellus Clay, è considerato uno dei più grandi boxeur di tutti i tempi.

Si tratta del guantone in pelle prodotto da Everlast per la promozione di quello che è stato definito il match del secolo. Fatto apposta dal noto marchio per pubblicizzare la grande sfida, è realizzato in pelle dorata e mostra la firma dell’atleta sul tassello giallo della marca.

È L’8 marzo del 1971 al Madison Square Garden di New York City. Di fronte, sul ring, due mostri del pugilato: Joe “Smokin’” Frazier e Muhammad “The Greatest” Ali.  Sono pronti a combattere. Frazier è il campione in carica. Ali lo vuole spodestare dal trono ma quella volta la farfalla del ring fu costretta ad assaggiare il sapore della sconfitta. Al 15esimo round infatti Ali subisce un gancio sinistro dal suo avversario che lo manda al tappeto.

Il guantone proviene dalla collezione di Ezio Scimè, ex discografico, consigliere artistico e promoter di cantanti internazionali come Charles Aznavour, Dalida, Léo Ferré. Si parte da una base d’asta di 5 mila euro ma negli Usa, quando i guantoni della farfalla del ring sono andati all’asta, il prezzo finale è sempre arrivato ad almeno 300 mila euro. Una sfida tutta da vivere quindi.

Ma non finisce qui, perché per gli appassionati c’è la possibilità di portarsi a casa un altro grande cimelio. Sarà possibile aggiudicarsi anche una grande foto in bianco e nero di uhammad Ali con firma autografa a penna blu e data 1971 e una foto, anche questa con firma autografa, del campione Nino Benvenuti, uno dei migliori pugili italiani di tutti i tempi. I lotti saranno esposti fino a giovedì 13 giugno.

L'autore

Lascia un commento