ContemporaryArt 1180×45

Appendino in diretta su Zipnews: “Scuole, la sfida ora è tenerle aperte”


Tanti i temi affrontanti dalla sindaca di Torino Chiara Appendino nel primo appuntamento con la nostra redazione dopo le vacanze estive.

Per iniziare un commento alla riapertura delle scuole torinesi

Voglio ringraziare tutta la comunità scolastica: dirigenti, personale amministrativo, ragazzi, ragazze e genitori. I trasporti hanno funzionato. Abbiamo avuto un carico medio intorno al 30 per cento, ben al di sotto all’80 per cento grazie anche ai servizi aggiuntivi. Ho visto grande gioia da parte dei ragazzi nel riappropriarsi di questi spazi. Adesso la sfida è tenere aperte le scuole. Abbiamo fatto un grande lavoro per metterle a posto e un dato è che solo cinque scuole hanno dovuto utilizzare spazi esterni.

Parliamo delle zone car free, arriva vicino alle scuole. Di che cosa si tratta?

Sono spazi chiusi al traffico veicolare davanti agli istituti scolastici. Abbiamo avuto tante richieste in questo senso dalle scuole. Vediamo immagini di ragazze e ragazzi che li usano e questo ci fa piacere. È un modo per vedere spazi di collettività per la città. Un po’ alla volta lavoreremo per estendere questi spazi.

Torino è stata scelta come sede dell’intelligenza artificiale. Che cosa significa per la città?

È una grandissima opportunità: si tratta di un luogo fisico dove andranno a lavorarci fino a 1000 persone e il governo ha stanziato. La cosa importante è che è la sede centrale per lo studio dell’intelligenza artificiale, anche per quanto riguarda le conseguenze etiche. Ringrazio per questo Don Luca Peyron. È un punto di partenza ma anche un punto di approdo per quanto fatto in questi anni.

Sta avvenendo una rivoluzione nella mobilità cittadini. Tanto si parla di mobilità dolce e non mancano le proteste. Serve sicuramente chiarezza per i cittadini per quello che è un vero e proprio cambio di mentalità.

Gli spazi sono condivisi e quindi serve responsabilità. Responsabilità da parte di tutti gli utenti della città. La rivoluzione è in atto non solo in Italia ma in tutti i paesi europei. Si sta andando verso una mobilità sostenibile e questo è un modo per lasciar spazio a chi non può usare un mezzo come la bicicletta. Il tema comunque non è soltanto il mezzo ma come viene usato. Vediamo che c’è un incremento nell’utilizzo di bici e monopattini e questo testimonia che sta avvenendo un cambiamento infrastrutturale.

Come state cercando di risolvere i problemi legati all’anagrafe?

Stiamo lavorando con i servizi, in particolare l’ass. Rolando. E’ notizia di questi giorni che chi vuole rifare la tessera elettorale non deve rivolgersi all’anagrafe ma può farlo da casa attraverso il sito Torino Facile. Questo per dire che, da un lato, stiamo cercando di migliorare il servizio e, dall’altro, di evitare di doversi recare all’anagrafe. Con il Covid alcune procedure sono state rallentate e alcuni appuntamenti sono rallentati quindi stiamo recuperando il pregresso.

Leave a Reply