Brave Toro e Juve: un punto a testa (2-2)


Toro e Juve si dividono la posta al termine di un derby bello ed emozionante, nel quale entrambe le formazioni sono apparse più che mai smaniose di riscattare i rispettivi momenti negativi.

Inizio scoppiettante della Juve, vicino al gol in tre occasioni nei primi minuti, ma non senza opportunità di rimessa per il Toro. Bianconeri in vantaggio al 13′ con Federico Chiesa, che – come spesso di recente – toglie le castagne dal fuoco di una Juve che a questo sembra avviata sulla strada di una facile vittoria. Così, invece, non è: al 27′ Sanabria, fino a quel momento anonimo, pareggia per i granata.

La prima frazione si esaurisce su un piano di sostanziale parità, ma in apertura di ripresa il colpo di scena: dopo soli quindici secondi dal calcio d’inizio, lo stesso Sanabria firma la propria personale doppietta capitalizzando uno sciagurato retropassaggio di Kulusevski. Il Toro sogna, ma va anche in affanno sotto l’asfissiante pressione offensiva della squadra di Pirlo. Che al 79′ pareggia con Cristiano Ronaldo, perfetto come sempre a raccogliere – sul filo del fuorigioco – un involontario assist di Giorgio Chiellini.

La Juve si getta ora disperatamente in avanti, ma il Toro regge e contrattacca. Al 90′, solo una prodezza di Szczesny nega la tripletta a Sanabria e una splendida impresa ai granata, che terminano comunque all’attacco obbligando l’estremo difensore bianconero a ulteriori impegnative parate.

Positive le indicazioni di gioco per entrambe le formazioni, cui però il solo punto incassato non giova più di tanto in chiave di classifica. La Juve patisce l’odierna di quasi tutte le concorrenti per la qualificazione in Champions League, mentre il Toro se non altro allunga a +2 sul Cagliari terzultimo.

Leave a Reply