Champions ancora amara per la Juve

Posted On 17 Apr 2019

Ronaldo non basta alla Juventus per sfatare la maledizione della Champions League. La società bianconera terminerà un’altra stagione di successo ma, forse per raggiungere il traguardo che manca da 23 anni, avrebbe dovuto rinforzare anche un altro reparto, quello difensivo per arrivare a questo punto della stagione senza patire le assenze, inevitabili per chi ha nella retroguardia un’età media non proprio di giovanissimi.

Il volto scuro del campione portoghese a fine partita che attraversa la zona mista senza dire neanche una parola non lascia dubbi. Ora tutti a chiedersi se CR7 resterà a Torino. Solo un anno fa erano tutti increduli per il suo arrivo sotto la Mole. L’unica certezza al momento sembra quella di Allegri: sia allenatore, sia presidente si sono affrettati a dire che il mister ha un contratto e che resta sulla panchina bianconera.

L’amarezza aumenta se si pensa che l’ultima vittoria del 1996 fu proprio contro gli olandesi e sempre l’Ajax fu artefice della prima sconfitta di una lunga serie di finale perse. Era il 30 maggio del 1973. Da allora la Juventus di finali ne ha perse altre sei.  

L'autore

Altri articoli

  1. roberto

    Purtroppo, la storia della Juve in Europa ha il suo peso. Se i bianconeri pensassero soltanto all’edizione corrente, sarebbe tutto più facile; ma non è facile sbarazzarsi dei fantasmi del passato, specie quando si ha di fronte un Ajax come quello di ieri…..

Lascia un commento