Cirio chiede poteri straordinari. Lo stop alle misure il 14 o 20 aprile


Appare ormai certo che l’ordinanza sulle misure di contenimento del Coronavirus in Piemonte sarà prolungata oltre il 3 aprile. Lo conferma il presidente Alberto Cirio nella seduta odierna in streaming del Consiglio regionale: “Abbiamo fatto una scelta di rigore fin dall’inizio, e così siamo andati avanti adottando misure più restrittive di quelle nazionali ancorate tutte al 3 aprile, ma ora è evidente che questa data non potrà essere rispettata. Tornare a normalità il 3 aprile sarebbe una follia. Si tratta ora di vedere per quanto tempo prorogare”. La nuova scadenza potrebbe essere fissata al 14 o al 20 aprile e potrebbe essere probabilmente giovedì dopo un incontro con i capigruppo.

Il governatore del Piemonte che per gestire al meglio l’emergenza occorrono poteri straordinari: “Con le regole vigenti tra due anni saremmo ancora qui. Per agire in tempi rapidi, come è assolutamente necessario, abbiamo bisogno di poteri straordinari, come è stato fatto per la ricostruzione del Ponte Morandi. Al sindaco di Genova è stato concesso di derogare a una serie di norme, il che gli permetterà presto di inaugurare il nuovo ponte”.

Cirio aggiunge: “Chiedo dunque al Consiglio regionale di valutare l’approvazione di un documento perché io possa chiedere al Governo poteri straordinari. Senza di essi rischiamo che tutto il lavoro venga ritardato, ma i tempi sono di grande urgenza. Se non allentiamo le regole, soprattutto in vista della ricostruzione post emergenza, rischiamo di trovarci pericolosamente impantanati nella burocrazia”.

Leave a Reply