Cosa fare oggi


Cultura e intrattenimento, a Torino e in Piemonte, oggi, martedì 4 maggio.

L’architettura di montagna. Secondo Dacia Maraini “La scuola ci salverà”. I fumetti nei musei.

L’architettura di montagna

Alle 18, su Zoom e sul profilo Facebook Museomontagna, secondo incontro della rassegna di talk online di approfondimento dei temi dalla mostra “Architetture di frontiera. Progetti per abitare le Alpi di Slovenia, Trentino, Piemonte e Valle d’Aosta”. Organizza il Museo nazionale della montagna. Info www.museomontagna.org.

Secondo Dacia Maraini “La scuola ci salverà”

Alle 18, sul sito e sui social del Circolo dei lettori, Dacia Maraini racconta il suo “La scuola ci salverà”, Solferino. Con Stefania Luci. Nell’ambito di “Il Maggio dei Libri”. In collaborazione con Reale Mutua.

Cosa è successo alla scuola? Come pos­siamo risollevare le sorti dell’istituzione più importante per il futuro del Paese dopo una fase difficile come quella che sta af­frontando? Dovremmo partire dagli inse­gnanti motivati e capaci che la sorreggono nonostante i molti ostacoli e dal serbatoio di vitalità degli studenti. E poi naturalmen­te occorre ridare all’istruzione le risorse e la centralità che merita.

La scuola può fare la differenza, soprattut­to in momenti di crisi. Dacia Maraini ne è convinta e lo testimonia con il suo impegno in difesa dell’insegnamento come negli in­terventi scritti nel tempo e in alcuni intensi racconti raccolti in questo libro: L’esameIl bambino vestito di scuro e Berah di Ki­bawa.

Da sempre l’autrice si dedica al dia­logo con gli studenti e con i loro docenti approfondendo modelli di apprendimento e impugnando questioni di diritti e di rifor­ma e in queste pagine racconta una scuola come dovrebbe e potrebbe essere, filtra­ta dagli occhi di scrittrice, di intellettuale civilmente impegnata e anche di docente. Storie, idee, battaglie e ricordi di una vita intera, dalle lezioni al Liceo di Palermo all’insegnamento nel carcere di Rebibbia. Un viaggio tra i banchi, anche attraverso la forza dell’immaginazione, da cui emerge l’urgenza di garantire ai nostri ragazzi un’i­struzione migliore per ridare all’Italia una concreta speranza nell’avvenire.

I fumetti nei musei

Alle 18,30, sulle pagine Facebook di Coconino Press, Fumetti nei Musei e Libreria Trebisonda e su YouTube Libreria Trebisonda, gli autori Lorena Canottiere, Andrea Ferraris, Gud, Marino Neri e Michele Petrucci raccontano il progetto “Fumetti nei musei”.

Il progetto FUMETTI NEI MUSEI, progetto del Mibact in collaborazione con Coconino Press, vincitore nel 2018 del premio Gran Guinigi al Lucca Festival del 2018. Gli autori raccontano attraverso l’arte del fumetto la contemporaneità dei musei italiani, luoghi vivi dove accadono storie incredibili.

Lorena Canottiere, Io più fanciullo non sono, Musei Reali di Torino

Andrea Ferraris, Un fuoco nella notte, Museo Preistorico dei Balzi Rossi di Ventimiglia

GUD, Gli esploratori dell’Appia perduta, Parco Archeologico dell’Appia Antica di Roma

Marino Neri, Piccoli visitatori notturni, Gallerie Estensi di Modena

Michele Petrucci, Costanza e Martino, Palazzo Ducale di Gubbio

Pensata dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo per i bambini e i ragazzi che partecipano alle attività e ai laboratori museali, la collana si rivolge ora anche ai lettori di ogni età che vogliono scoprire e riscoprire da nuove angolazioni, attraverso il fumetto, tesori e storie dello straordinario patrimonio artistico custodito nei musei statali. Grazie a un accordo commerciale con il Ministero, con l’acquisto di questi albi si contribuisce alla stampa di copie gratuite per le attività educative dei musei italiani.

In questi 51 racconti i musei, i siti storici e archeologici italiani diventano luoghi vivi dove accadono storie incredibili e dove l’immaginazione viene spinta verso nuovi fili narrativi, tra suggestioni del passato e scenari futuribili. Autrici e autori hanno avuto piena libertà creativa: i loro fumetti“trasformano” i musei in spettacolari set per storie che spaziano tra avventura, fantascienza e vita quotidiana, permettendo a bambini, ragazzi e adulti di scoprire le collezioni italiane e le architetture che le conservano, di intrufolarsi negli angoli segreti e di immergersi con uno sguardo inedito nelle sale espositive più famose al mondo.

Leave a Reply