“Dialoghi sulla fraternità”: da oggi in diretta streaming dal Cottolengo di Torino


“Dialoghi sulla fraternità” è il titolo del ciclo di incontri che la Piccola Casa della Divina Provvidenza promuove, a partire da oggi, lunedì 15 marzo, con l’obiettivo, alla luce dell’enciclica «Fratelli tutti» di Papa Francesco, di favorire il diffondersi di una cultura attenta al valore della fraternità per il mondo di oggi.

L’enciclica «Fratelli tutti» presenta, infatti, la fraternità sotto i suoi molteplici aspetti e prospettive, tutti convergenti intorno all’esigenza di orientare il cammino dell’umanità verso la fraternità universale.

La Piccola Casa, come afferma nella propria Mission, cerca di essere un luogo in cui ciascuno possa «contribuire all’edificazione di un’umanità nuova fondata sull’amore, sull’amicizia e sulla speranza della vita eterna» (n. 6). Oltre alle forme concrete della carità verso le persone più fragili, l’opera cottolenghina desidera promuovere una cultura della vita basata sui valori essenziali dell’umanità. Ed ecco che i «Dialoghi» vogliono essere un occasione di confronto e riflessione su questi aspetti.

Al primo incontro, trasmesso lunedì 15 marzo alle ore 18.30 dal Cottolengo di Torino in diretta streaming su You Tube, interviene il cardinale Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna, che, in dialogo con il Padre generale della Piccola Casa, don Carmine Arice, presenterà l’enciclica del Papa sul tema «I volti della fraternità».

I «Dialoghi» proseguiranno mensilmente con una serie di focus su alcuni temi principali dell’enciclica.

Gli incontri saranno trasmessi in diretta streaming sul canale YouTube della Piccola Casa (il link diretto per collegarsi sarà pubblicato sul sito www.cottolengo.org prima di ogni appuntamento) e, in base all’evolversi della pandemia, si valuterà la possibilità di accesso ad un numero limitato di persone alla sala Fratel Luigi Bordino (via Cottolengo 17 – Torino), nel rispetto delle norme anticontagio, fino ad esaurimento posti. In questo caso sarà necessario prenotarsi obbligatoriamente scrivendo all’indirizzo mail upc@cottolengo.org.

Leave a Reply