Il sindaco di Sauze d’Oulx chiede l’intervento dell’esercito per sorvegliare gli accessi


Il sindaco di Sauze d’Oulx Mauro Meneguzzi ha inviato una lettera al Prefetto di Torino Claudio Palomba e al Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio per chiedere l’intervento dell’esercito per vigilare sull’ingresso delle persone non autorizzate nel paese.

Nella richiesta, il sindaco ricorda innanzitutto il pericolo Coronavirus per il paese: “Segnalo la nostra preoccupazione, soprattutto in quanto siamo il Comune dell’Alta Valle di Susa in cui si sono riscontrate ad oggi le maggiori positività al COVID19 (13 positivi) e quasi 40 soggetti in quarantena obbligatoria domiciliare, per quel che riguarda gli accessi di soggetti non autorizzati, nel nostro paese, soprattutto in orari notturni.

Comprendo la ‘voglia’ di scappar dai centri urbani e rifugiarsi nella seconda casa in montagna, – continua Meneguzzi – ma ciò non è assolutamente ammissibile ne tanto meno accettabile. Tutti gli sforzi, che tutti Noi in Italia e nel Mondo, e nello specifico nel nostro Comune ove, se Dio vuole, da 4 giorni non son state più finalmente rilevate positività, non può essere vanificato da accessi di persone esterne”.

Ed ecco quindi la richiesta di intervento dell’esercito da parte del sindaco: “Sauze d’Oulx ha una sola Strada Provinciale di accesso, facilmente sorvegliabile a monte dell’abitato di Oulx, ove giunge anche la Galleria di uscita dall’autostrada A32, ma per effettuare un concreto controllo H24 l’unico sistema a mio giudizio, sarebbe l’affiancamento dell’Esercito alle Forze di Polizia locali.(abbiamo una caserma ad Oulx ed una a Bousson)”.

Infine Meneguzzi ricorda che le attuali ordinanze e DPCM contro la diffusione del Covid-19 prevedano una sanzione amministrativa e penale ma non il “respingimento del trasgressore affinché ritorni immediatamente al luogo da cui proviene”.

Leave a Reply