Il Toro si inchina al Milan (2-0) e scivola di nuovo in basso


Un Torino volonteroso ma pressoché inoffensivo rende poco arduo al Milan il compito di onorare un pronostico quasi scontato e di riscattare la sconfitta interna patita tre giorni fa dalla Juventus. Rossoneri dall’arrembaggio sin dalle primissime battute, con il Toro costretto a uno sforzo difensivo che non può dare a lungo i suoi frutti. Milan in vantaggio già al 25′ con gran tiro di Leao, e i rossoneri raddoppiano undici soli minuti più tardi su calcio di rigore concesso per fallo su Diaz da parte – pensate un po’ – di Andrea Belotti. Proprio il fatto che il bomber granata sia stato costretto al fallo nella propria area di rigore la dice lunga sull’assedio subito dalla formazione granata, che soltanto al 43′ trova la propria prima occasione da rete, quando una punizione di Rodriguez si stampa sulla traversa. Bravo comunque Sirigu a tenere aperto l’incontro con un miracolo su Kessie proprio in chiusura di frazione.

Musica diversa ma non troppo nella ripresa, quando il Milan commette l’errore di considerare troppo presto acquisito il risultato e di tirare dunque i remi un po’ in barca concedendo maggiore spazio ai granata. Al 50′, l’arbitro concede un calcio di rigore al Torino per fallo di Tonali su Verdi, ma il VAR richiama il direttore di gara che revoca la propria decisione dopo aver constatato che il fallo è stato in realtà da parte di Verdi su Tonali, che deve infatti lasciare il campo per infortunio. L’episodio del rigore revocato incide nettamente sul morale dei granata, che nelle battute conclusive – mentre Zlatan Ibrahimovic rientra in campo dopo un mese e mezzo di assenza – mostrano peraltro qualche segno di maggior vivacità.

Dopo i segni di ripresa delle scorse giornate, torna nuovamente molto grigia la classifica del Torino anche in virtù dela vittoria del Genoa sul Bologna maturata nel tardo pomeriggio. I granata tornano infatti penultimi in classifica al pari con il Parma, che deve però ancora giocare la propria partita di questo turno. A questo punto, diviene più che mai importante Torino-Spezia di sabato prossimo.

Leave a Reply