ContemporaryArt 1180×45

INPS: non si ha diritto al trattamento di malattia se si è in quarantena ma si continua a lavorare in smart working


L’INPS ha pubblicato una nota in cui precisa che non è possibile ricorrere alla tutela previdenziale della malattia o della degenza ospedaliera nei casi in cui il lavoratore che si trovi in quarantena, o in sorveglianza precauzionale perché soggetto fragile, continui a svolgere, sulla base degli accordi con il proprio datore di lavoro, l’attività lavorativa presso il proprio domicilio, mediante forme di lavoro alternative alla presenza in ufficio, come lo smart working.

Solo in caso di malattia conclamata e certificata da un medico, cioè quando il lavoratore è temporaneamente incapace al lavoro, si ha diritto ad accedere alla corrispondente prestazione previdenziale, compensativa della perdita di guadagno.

Altrettanto per un lavoratore che si reca all’estero, anche per lavoro, e le norme del paese in cui si reca lo obblighino alla quarantena, non vi è diritto alla “malattia”.

Leave a Reply