ContemporaryArt 1180×45

Juve in finale, che fatica per tutti


La Juventus conquista la finale di Coppa Italia al termine di un incontro senza reti, che ha rappresentato il primo banco di prova delle molto discusse modalità con le quali si è deciso di condurre a termine la stagione calcistica. Nessuna rete segnata, e forse questo è uno degli indici dell’enorme difficoltà, da parte dei giocatori, di mantenere ritmo e iniziativa. Su tale fronte è apparso in maggior salute in Milan, mentre la Juventus ha accusato un evidente calo di condizione nella ripresa, che si è più che mai evidenziato nientemeno che in Cristiano Ronaldo. Il portoghese già nel primo tempo ha sbagliato il calcio di rigore che avrebbe potuto portare in vantaggio la formazione bianconera, poi nella ripresa è apparso lontano da quegli standard che egli stesso sempre coltiva in maniera quasi maniacale, non facendosi trovare ad alcuni appuntamenti con il pallone che pure così stabilmente fanno parte del suo smisurato bagaglio tecnico. Di tutto ciò ha rischiato di avvantaggiarsi la formazione rossonera, che a tratti ha fatto quasi passare inosservata la propria inferiorità numerica maturata con l’espulsione di Rebic, proprio sugli sviluppi del calcio di rigore. Va però sottolineato che il Milan non ha praticamente mai tirato in porta. Appare comunque difficile tracciare un bilancio attendibile dell’incontro, per il quale sarà necessario valutare condizione e atteggiamento delle altre squadre, man mano che torneranno in campo. Nel frattempo, in campo tornerà la stessa Juventus domenica – all’Olimpico di Roma – per la finalissima di Coppa, contro la vincente tra Inter e Napoli, che si affronteranno domani sera a San Siro nell’altra semifinale di ritorno.

Leave a Reply