Juve-Napoli: si rigioca


Niente più 3-0 a tavolino per Juventus-Napoli dello scorso 4 ottobre. L’incontro – com’è noto – non era stato disputato causa mancata presentazione allo Juvestadium della società partenopea, bloccata a Napoli dai casi Covid nella sua rosa.

Ora, il Collegio di Garanzia dello Sport del Coni – nella sua qualità di suprema istanza nazionale per la giustizia sportiva – ha accolto il ricorso del Napoli: la partita si dovrà rigiocare. I bianconeri scendono pertanto in classifica a quota 24 punti (proprio gli stessi degli azzurri), e scatta il difficile reperimento della data utile per la disputa della gara.

Un curioso risvolto giuridico-sportivo del provvedimento del Collegio di Garanzia riguarda Adrien Rabiot. Il giocatore francese, in occasione della mancata disputa di Juventus-Napoli, aveva scontato un turno di squalifica. Quando infatti la vittoria a tavolino è assegnata in virtù della mancata presentazione di una delle due squadre, l’incontro si considera validamente disputato in relazione agli effetti dei provvedimenti del Giudice sportivo.

Al contrario, quando l’incontro viene successivamente annullato come in questo caso, il turno di squalifica in questione deve essere scontato nel primo incontro utile. Combinazione vuole che l’odierno provvedimento sia stato irrogato proprio nel giorno di Juventus-Fiorentina. Avutane notizia, la società bianconera ha dunque deciso di non includere in distinta Rabiot allo scopo di fargli scontare la squalifica.

Non è però detto che gli organi di giustizia sportiva ratifichino tale spontanea decisione della Juve. Se ciò non avvenisse, il giocatore francese dovrebbe scontare la squalifica in occasione di Juventus-Udinese del prossimo 3 gennaio.

Leave a Reply