ContemporaryArt 1180×45

La fotografia d’archivio di Linda Fregni Nagler


Oggi pomeriggio, alle 18,30 sul canale Instagram di Camera-Centro italiano per la fotografia, appuntamento con le dirette della rubrica “Foto-Talk, A casa dell’artista”

Sarà la fotografa Linda Fregni Nagler ad essere l’ospite della diretta e verrà intervistata dalla curatrice di Camera Monica Poggi.

Il lavoro di Linda Fregni Nagler nasce da un grande amore per la fotografia d’archivio che costituisce la base della sua ricerca artistica.

Accumulandole, appropriandosene e trasformandole individua all’interno delle fotografie della sua collezione delle ricorrenze, dei pretesti per indagare il linguaggio fotografico e far emergere alcuni aspetti socio-antropologici del loro uso, spesso dimenticati nei racconti ufficiali della storia della fotografia.

A interessarla sono le immagini del passato, realizzate da fotografi anonimi, che rilegge in un’ottica contemporanea nonostante il suo lavoro si leghi spesso a sofisticate pratiche antiche, decisamente obsolete al giorno d’oggi, nell’epoca della massiccia smaterializzazione della realtà. In “Hana to Yama”, ad esempio, l’artista colora a mano le stampe seguendo il metodo originale giapponese, mentre nel suo ultimo lavoro “How to Look at Camera”, utilizza la tecnica della photogravure per riprodurre ritratti sia di persone cieche sia di figure riprese di spalle per indagare i significati racchiusi nelle fotografie. Di questi e di altri progetti Fregni Nagler ne parlerà durante la diretta.

Linda Fregni Nagler è nata a Stoccolma nel 1976, vive e lavora a Milano.

Le sue opere sono state esposte in mostre personali e collettive all’interno di alcuni dei più prestigiosi musei italiani e internazionali, fra cui Triennale e Palazzo Reale di Milano, la Biennale di Innsbruck, il Nouveau Musée National di Monaco e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Leave a Reply