La Juve si rifà viva: 3-1 al Milan a San Siro


Con una sfavillante vittoria della Juventus a San Siro, la Juventus scaccia la crisi di fine 2020, ferma la corsa della capolista e – se si tiene conto della partita in meno, da recuperare col Napoli – rilancia le proprie ambizioni di alta classifica.

In un serata in cui Cristiano Ronaldo non brilla, sugli scudi sin dalle prime battute un grande Federico Chiesa, che al 18′ apre le marcature finalizzando una combinazione volante con Dybala. Lo stessa Chiesa sfiora il raddoppio due minuti dopo, ma è buona la reazione del Milan che al 41′ trova il pareggio con Davide Calabria su azione forse viziata da un fallo sul rientrante Rabiot.

Sembra il preludio a una ripresa incerta ed equilibrata, segnata dal tentativo del Milan di rimanere l’unica squadra europea imbattuta dopo il lockdown della scorsa primavera. Ma al 62′ ancora Federico Chiesa centra il bersaglio, stavolta con uno splendido tiro dalla distanza del quale Donnarumma non può indovinare la traiettoria. Il capolavoro bianconero è completato al 76′ da McKennie, mandato in gol da una bella azione personale di Kulusevski entrato al 63′ al posto proprio del grande protagonista Federico Chiesa, vittima di un infortunio da valutare.

Alta classifica quasi completamente ridisegnata, vista anche la sconfitta dell’Inter a Marassi nel pomeriggio. Milan 37, Inter 36, Roma 33, Juventus 30, Sassuolo 29. Certo, il divario di sette punti tra bianconeri e rossoneri resta pur sempre ragguardevole, ma va letto alla luce della partita in meno della Juve, che dovrà recuperare l’incontro casalingo con il Napoli.

Leave a Reply