ContemporaryArt 1180×45

La sindaca Appendino in diretta su Zipnews: “Il bilancio? Ora più tranquilla con l’impegno di Conte da 3 miliardi” [video]


Un nuovo appuntamento con la sindaca di Torino Chiara Appendino in diretta su Zipnews. In questo venerdì che precede la Festa della Repubblica come sempre la prima cittadina torinese ha fatto il punto della situazione con particolare riferimento all’emergenza Covid. Vediamo tutti gli argomenti affrontati.

Chiudiamo la settimana con una certa confusione. Dal 3 dovrebbe esserci la riapertura ma, mentre la politica e il commercio spingono, gli scienziati sono scettici.  La gente ha paura per il lavoro, per il virus, e non si sente sicura di andare in vacanza.

La fase di convivenza con il virus è complessa perché si tratta di qualcosa che non conosciamo. Più saremo responsabili più potremo essere tranquilli come comunità. È emerso che rispetto al 4 maggio non c’è stato un aumento dei contagi preoccupante, però questo non significa che si possa abbassare la guardia. Essere responsabili non vuol dire comunque che bisogna rinunciare ad alcuni spazi di libertà che abbiamo riconquistato.

Se entro il 31 luglio il governo non dovesse intervenire, noi saremmo uno dei comuni che, come tanti altri, dovrà andare in dissesto perché non può dichiarare gli equilibri di bilancio

Ieri in modo trasversale i 14 sindaci metropolitani che rappresentano il Paese da nord a sud hanno incontrato il premier Conte che ci ha garantito un intervento con ulteriori 3 miliardi ai Comuni. Questo dovrebbe permetterci di essere tranquilli anche nel mantenere i servizi essenziali. Rispetto alla settimana scorsa noi sindaci siamo quindi più tranquilli alla luce di questo importante impegno del premier che deve essere trasformato in un provvedimento. Nuove tasse? In questo momento è impensabile che un Comune possa alzare le tasse, al contrario ne abbiamo tolte, ad esempio la Cosap. Inoltre è inimmaginabile tagliare i servizi.

Sta funzionando per gli esercizi pubblici la riorganizzazione degli spazi, con il maggiore sfruttamento delle zone esterne ai locali?

Abbiamo avuto più di 200 richieste. Questo significa che l’esigenza c’era e anche che gli esercizi hanno voglia di ripartire. Come detto in questi giorni il mio invito è a chi può di andare a prendersi un caffè o mangiare una pizza fuori, sempre in sicurezza rispettando le regole per aiutare il nostro commercio che sta faticando tanto.

La Città si sta preparando per offrire un programma di spettacoli ed eventi nel periodo estivo?

Stiamo lavorando con l’assessora alla Cultura. Noi immaginiamo di non poter rientrare nei teatri come una volta e quindi dobbiamo sfruttare gli spazi verdi della Città. Parliamo di arene di spettacolo e cinema all’aperto. Stiamo lavorando ad esempio sullo Sporting dove c’è un campo da tennis noto a Torino che potrebbe essere utilizzato come spazio per spettacoli teatrali. “Punti estivi diffusi”: questa è la tipologia di attività che stiamo costruendo. Il modello andrà affinato anche alla luce delle nuove norme per la sicurezza

Si inizia a riparlare di ATP Finals, ci sono novità? Quali opportunità per il turismo?

Stiamo lavorando portando avanti tutto il lavoro propedeutico, in particolare a novembre 2020 ci sarà il passaggio di testimone tra Londra e Torino e quello sarà il volano per la ripresa del turismo internazionale. Nel frattempo stiamo lavorando per ridare una governance a Turismo Torino in questi mesi, nei quali il turismo internazionale non sarà quello di una volta, dovremo portare i nostri connazionale a scoprire la nostra città.

Mobilità elettrica e sperimentazione in ambito urbano, un accordo tra FCA e Città di Torino…

FCA sta investendo sulla mobilità elettrica e quindi sostenibile con nuove tecnologie. Stiamo allora lavorando con quella che è un’azienda con un impatto importante sul nostro territorio. Presenteremo meglio il progetto la prossima settimana insieme ad FCA.

Abbiamo un piano, già precedente al Covid, per l’elettrico, sia per l’installazione di colonnine sia per i nostri mezzi. Il tema dell’ambiente, anche se non porta generalmente consensi immediati, è centrale per le generazioni future.

Leave a Reply