ContemporaryArt 1180×45

L’arcivescovo Nosiglia: “Saremo più forti, anche se tutto non tornerà come prima”


Le peculiarità e le radici religiose e laiche della città. Su queste Torino dovrà farsi forza per riprendersi da questa crisi.

Questo il pensiero dell’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia, durante l’omelia della messa di San Giovanni.

Per uscire dalle difficoltà attuali il capoluogo piemontese dovrà basarsi sulle proprie caratteristiche di pregio, come la politica, il lavoro, economiche e sociali. Ma appunto anche sulle proprie radici “religiose e laiche che hanno reso Torino attiva e intraprendente”.

Ottimista il l’arcivescovo di Torino: “Ce la faremo, ma se non tornerà tutto come prima avremo capito la lezione dei tempi e saremo diventati più forti, meno egoisti e autoreferenziali, più umani nei rapporti reciproci, più poveri ma più solidali e ricchi di valori che avevamo perduto”

Leave a Reply