Mercati e dehors a Torino: nuove tariffe per l’occupazione suolo pubblico

Home Attualità Mercati e dehors a Torino: nuove tariffe per l’occupazione suolo pubblico

La-Tettoia-dellOrologio-300x225 Mercati e dehors a Torino: nuove tariffe per l'occupazione suolo pubblicoApprovata dal comune di Torino la delibera contente le modifiche al regolamento sul canone di occupazione di spazi e di aree pubbliche (Cosap). Fra le principali novità, il passaggio del canone da orario a giornaliero e l’applicazione di tariffe anche per l’occupazione di suolo pubblico legata a lavori edili, scavi e ponteggi. Modificato l’articolo che prevede ora, la possibilità di ridurre il canone a fronte di un’occupazione che rappresenti utilità sociale o prestazioni di interesse pubblico. Lo sgravio può essere totale o parziale. Variate anche le tariffe per i dehors e le aree mercatali. I costi per i dehors saranno ancora calcolati in base alle cinque categorie viarie in cui è divisa la città, ma subentreranno tre nuovi coefficienti in base alla tipologia dell’occupazione con parametri a salire di 1,10 – 1,15 e 1,45.
Stesso discorso per le aree mercatali che vengono adesso divisi in tre fasce economiche: la A (mercati di maggior valore economico), la B (mercati medi) e la C (mercati di minor valore economico) con aggravi/sgravi della tariffa calcolati con i seguenti moltiplicatori, A=1,01 B=1 C=0,9. Per decidere in quale fascia inserire i singoli mercati, ogni anno verranno considerati una serie di parametri e stabilita una graduatoria. Immutate le cinque categorie viarie, verranno presi in considerazione: il rapporto tra posteggi impegnati e quelli totali disponibili; il rapporto tra cessazioni di attività e posteggi impegnati; le presenze medie in spunta e posteggi liberi; il rapporto tra assenze dei concessionari e posteggi impegnati.

Leave a Reply