8 Gallery basket court 1180

Tenco e Meroni, Torino ricorda due stelle

Posted On 05 Ott 2017

Lunedì 16 ottobre alle ore 21.00 al Circolo dei Lettori di Torino è in programma una serata dedicata a due miti degli Anni ’60: Luigi Tenco e Gigi Meroni.

In molti ricorderanno che il 27 gennaio 1967, durante il Festival di Sanremo, il cantante piemontese si tolse la vita; Luigi Tenco doveva ancora compiere 29 anni, ma era già un cantante affermato, un artista riconosciuto, la sua storia con Dalidà che cantava in coppia con lui “Ciao Amore Ciao” (una canzone antimilitarista dal titolo originario “Li vidi tornare”, trasformata in seguito in una canzone d’amore) era sui rotocalchi di tutta Europa. Quella notte, con un colpo di pistola mise fine alla sua giovane vita creando sgomento e dolore non solo nei colleghi presenti al Festival – condotto da Mike Bongiorno – ma in tutto il Paese.

Dopo 8 mesi – il 15 ottobre  – muorì a Torino in un tragico incidente stradale Gigi Meroni, la più grande promessa del calcio italiano di quegli anni, “la farfalla granata”, “il quinto Beatles”, “il George Best Italiano”, tanti soprannomi per indicare un talento puro e a suo modo un artista in campo e nella vita privata.

A 50 anni da quei tragici momenti che hanno profondamente segnato l’immaginario collettivo, Linguadoc organizza con il Circolo dei Lettori una serata/omaggio a due miti; un viaggio tra canzoni, gol, filmati e racconti per ri-scoprire la loro unicità, simbolo di un’Italia in grande fermento e oggetto di trasformazioni culturali e sociali.

Partecipano all’incontro la scrittrice e giornalista Sabrina Gonzatto, il direttore di Torino Magazine Guido Barosio, l’ex calciatore e compagno di stanza di Gigi Meroni, Natalino Fossati , il giornalista (Mediaset) e scrittore Beppe Gandolfo e la giornalista (La Stampa) e scrittrice Alessandra Comazzi. Modera Giulio Graglia.

Tra i partner dell’iniziativa c’è anche l’Associazione granata ToroMio. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento