News alla radio da Torino e dal Piemonte in breve – ore 12.00


Crescono contagi e ricoveri, da lunedì il Piemonte in zona arancione. In sette giorni più 26% di pazienti in terapia intensiva. Si registrano  altri 1500 contagi, dieci ricoverati in più in rianimazione. La quota dei positivi rispetto ai tamponi sfiora il 7 per cento, doppia rispetto alla scorsa settimana. Venti i morti.

E si rischia la terza ondata: i contagi crescono come a novembre. In aumento i ricoveri, l’Rt sale tutto il Piemonte. Vercelli e Cuneo peggio di Torino. Decisamente più rapida la diffusione del virus: l’incidenza delle varianti inizia a farsi sentire. Autodichiarazione obbligatoria fino al 5 marzo per chi rientra dall’estero.

Vaccini, in Piemonte siamo indietro: mancato l’obiettivo di febbraio. Troppe fiale nei frigoriferi e target giornaliero basso: il sistema rivela le prime debolezze. Le case farmaceutiche a Cirio: non vendiamo vaccini.

Servono più soldi per portare fuori dal Covid le Rsa piemontesi. Un anno dopo il virus, sono tutte in crisi di liquidità. Nel Cuneese lo tsunami dell’emergenza coinvolge 140 istituti per anziani.

E’ avvolta nel mistero la scomparsa di un mediatore culturale torinese di origine tunisina sparito a Tunisi un mese fa.  Era tornato a casa, a Ghenada, vicino a Monastir, per trovare la sua famiglia ma dal 28 gennaio i suoi colleghi di Torino non hanno più notizie di lui.

L’Asl 1 conferma Il Covid del Toro è la variante inglese. Rinviata la partita con il Sassuolo. Lazio-Torino in bilico, ma per ora è confermato che si giochi.

Calcio. Juve-Napoli si recupera il 17 marzo allo Stadium. L’eliminazione degli azzurri dall’Europa League libera una data nel calendario. I bianconeri pensano al Verona all’attacco in emergenza.

Smog, a Torino blocchi del traffico fino a lunedì 1 marzo. Restano in vigore le limitazioni dopo la nuova rilevazione dell’Arpa.

Leave a Reply