Novara: bimbo ucciso, “corpo martoriato dalle botte”. Arrestati madre e compagno

Posted On 25 Mag 2019

Lesioni, maltrattamenti, violenza sessuale. Sono i precedenti penali rintracciati in capo a Nicholas Musi, il padre del piccolo Leonardo, il bambino di 19 morto poco dopo il suo arrivo al pronto soccorso dell’ospedale di Novara, probabilmente dopo essere stato picchiato e non certo per la prima volta. I test tossicologici effettuati in capo al padre hanno rivelato l’assunzione di sostanze stupefacenti, ma non è ancora stato accertato se Nicholas Musi fosse sotto l’effetto di droghe nelle ore decisive della tragica vicenda. Di certo, simili dati vanno incrociati coi segni riscontrati sul cadavere del bambino, che evidenziano come questi fosse vittima di maltrattamenti abituali.

Era già stato portato al pronto soccorso in aprile, il piccolo Leonardo. Ufficialmente – vale a dire secondo la versione dei genitori – era stato morso da un cane. Ma troppe e troppo sospette sono le lesioni rilevate sul cadaverino. Il piccolo Leonardo è morto per un violento colpo all’addome, ma dovunque sul corpicino sono state riscontrate tracce di ecchimosi e altri elementi che, anche per la loro stratificazione cronologica, depongono univocamente nel senso di sistematici maltrattamenti, dei quali del resto il fantomatico morso di quel cane non sarebbe che la conferma a posteriori

L'autore

Lascia un commento