Elezioni 2021 1180×45

Nuova sede in via Pesaro per il Liceo artistico Passoni


Con l’avvio del nuovo anno scolastico 2021/2022 gli alunni del Liceo Artistico Passoni, storico liceo di Torino che nell’ultimo anno ha visto incrementare le sue iscrizioni (arrivando ad avere 4 classi in più rispetto alle 42 dello scorso anno), avranno la possibilità di formarsi e incontrarsi in un contesto scolastico valorizzato dal progetto realizzato nel corso dell’estate.


Il progetto di riqualificazione della nuova sede di via Pesaro 15 nasce dall’intuizione del Prof.re Dario Colombo, artista, docente di discipline pittoriche del Passoni e coordinatore del progetto, e dalla coralità del corpo docente e del personale scolastico, guidati dal Dirigente Scolastico Antonella Accardi Benedettini.

Con la fine dell’anno scolastico e con l’esigenza di disporre di nuovi locali, ha preso vita una esperienza estiva che rimarrà nei cuori dei molti attori intervenuti e negli occhi di tutti gli alunni del Passoni che hanno partecipato con particolare entusiasmo e impegno.

I fondi Ministeriali del “Piano Estate” e i fondi Europei del progetto PON hanno permesso di portare una ventata di novità e di arte nel contesto scolastico, rendendo le aule caratterizzate da uno stile unico e speciale: non più un semplice numero d’aula e dei muri bianchi, ma la creazione di un luogo voluto e costruito insieme, curato direttamente dagli artisti.

Guidati da Monica Carocci, Enzo Gagliardino, Luciano Gaglio, Daniele Galliano, Enrico Iuliano, Bartolomeo Migliore e Pierluigi Pusole – sette artisti di stanza a Torino, operativi in ambito nazionale e internazionale a partire dagli anni Novanta – e coordinati dai docenti Dario Colombo, Giuseppe Lucia, Emanuela Termine, Roberta Testa, i gruppi di lavoro hanno realizzato interventi pittorici, fotografici e installativi. A partire dalla fase progettuale, gli studenti hanno avuto l’opportunità di concepire, sviluppare e realizzare insieme agli artisti delle inedite opere d’arte declinate in scala ambientale, che hanno dato nome e identità ai loro spazi di lavoro quotidiano. Anziché utilizzare la classica numerazione dei locali didattici, infatti, gli stessi sono ora dedicati agli artisti coinvolti.

L’impresa artistica è stata possibile grazie alla disponibilità e al contributo della Città Metropolitana di Torino, che ha messo a disposizione gli spazi e ha curato i lavori preparatori, e grazie all’U.S.R. e all’U.S.T. che hanno costantemente supportato la scuola.

Da inizio luglio a fine agosto risa, vernici, pennelli e impegno hanno riempito la sede di via Pesaro: i ragazzi del Passoni hanno rinunciato volentieri a qualche bagno in mare per partecipare in prima persona a questo miracolo artistico; il successo è frutto della sinergia che ha coinvolto anche il personale docente e i collaboratori scolastici della scuola che per primi hanno creduto in questo progetto.

L’inaugurazione della nuova sede di via Pesaro 15 a Torino, avverrà mercoledì 8 settembre, con le autorità, dalle ore 10 alle ore 12 e proseguirà con l’apertura al pubblico dalle ore 17 alle ore 20. Si potrà continuare a visitare le aule e scoprire il progetto che ha dato vita a ognuna di loro anche nei pomeriggi di giovedì 9 settembre e venerdì 10 settembre dalle ore 18:00 alle ore 20:00, alla presenza degli artisti, dei ragazzi e dei docenti coinvolti nel progetto.

In occasione dell’inaugurazione si potrà visitare anche lo spazio intitolato ad Aldo Ferrara, grande scultore torinese e docente del Passoni scomparso nel 2017. Grazie alla collaborazione della moglie, Tiziana Lesina, alcune opere dell’artista e amato collega sono state concesse in prestito e installate nel corridoio della scuola.


– l’istituto d’arte Passoni, poi dal 2010/2011 Liceo Artistico, è stato fondato nel 1955 da Italo Cremona pittore, scrittore e cineasta torinese.
– tre sedi via della Rocca 7, via della Cittadella 3, via Pesaro 15.
– indirizzi del triennio: arti figurative, arti figurative con curvatura restauro, design industriale, design del tessuto e della moda, design e grafica del libro.
– 120 docenti, 1100 alunni.

Leave a Reply