Omicidio dei Murazzi, chiusa l’inchiesta: chiesto il giudizio immediato

Posted On 25 Set 2019

È stata chiusa l’inchiesta con la richiesta di giudizio immediato sull’omicidio di Stefano Leo, il 33enne di Biella ucciso con una coltellata alla gola il 23 febbraio scorso da Said Mechaquat ai Murazzi del Po.

I pm Enzo Bucarelli e Ciro Santoriello hanno contestato l’omicidio premeditato aggravato dai futili motivi, anche se rimane l’ipotesi che il giovane biellese sia stato la vittima di uno scambio di persona: Said nutriva, infatti, un profondo rancore nei confronti del nuovo compagno della sua ex fidanzata, con la quale aveva avuto anche un figlio.

Il 27enne marocchino aveva confessato l’omicidio il 30 marzo scorso, spiegando agli investigatori di aver ucciso Stefano «perché era felice» e di aver nascosto l’arma del delitto in piazza D’Armi. Inoltre, Said aveva già subito una condanna a un anno e sei mesi per maltrattamenti che però non è mai stata eseguita.

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento