Ottavo Scudetto per la Juventus, top e flop della stagione

Posted On 21 Apr 2019

20 Aprile 2019. La Juventus è Campione d’Italia per la 37sima volta nella sua storia, l’ottava consecutiva.

Un dominio, quello degli ultimi anni, senza eguali in Serie A. Il precedente record, ormai in frantumi, era di 5 tricolori consecutivi (Juventus ’31-’35, Torino ’43-’49, Inter ‪2006-2010‬).

In otto anni di cose ne sono cambiate molte: basti ripensare alla Juventus del ‪2011-2012‬, quella di Conte, che riuscì nell’impresa del tricolore in maniera incredibile, con una squadra nettamente più debole di altre (ad esempio del Milan di Ibrahimovic, Maldini, Nesta, Gattuso ecc.). Una squadra ricostruita da zero nell’ estate del 2011, con l’arrivo di Marotta in sede amministrativa, che cercò giocatori di grande esperienza al minor prezzo possibile. Ed allora ecco i vari Pirlo, svincolato dal Milan, e Barzagli, arrivato per 500 mila euro dal Wolfsburg, oltre a qualche grande intuizione di mercato (vedesi Bonucci e Vidal) ed all’affermazione delle grandi promesse come Marchisio e Chiellini. Uno scudetto che fu molto difficile da raggiungere perchè, sebbene la Juventus subisse pochissimi goal e nonostante concluse il campionato da imbattuta, la coppia d’attacco Vucinic-Matri faticava a segnare.

Otto anni dopo le cose sono cambiate: la Juventus ha giocato due finali di Champions League con Allegri, consacrandosi come una delle grandi d’Europa.

Col passare degli anni i bianconeri hanno cercato di risolvere il problema del goal con grande stile strappando, nell’estate del 2015, al Napoli il capocannoniere della Serie A Higuain (per 94 milioni di euro, record per la Serie A), prima del colpo del secolo nell’estate 2018: Cristiano Ronaldo (117 milioni e nuovo record).

Ora, la Juventus di Cristiano Ronaldo, quattro giorni dopo la debacle di Champions League con l’Ajax, conquista l’ottavo scudetto consecutivo con cinque giornate di anticipo. Grandi complimenti vanno fatti alla società, che ora deve perseverare nell’obbiettivo di conquistare la coppa dalle grandi orecchie, per la quale però serve un cambio di mentalità.

I TOP DELLA STAGIONE

CHIELLINI: 9,5

Primo anno da capitano della Juventus per Giorgio Chiellini, fenomeno assoluto. Uno, se non il, dei più forti difensori centrali al mondo. La grinta, la passione e l’amoreper la propria maglia lo spingono a dare sempre il massimo. Chiellini è come un buon vino rosso: più invecchia più migliora. Le eliminazioni della Juventus da Coppa Italia e Champions arrivano, guarda caso, quando Chiellini non è in campo

RONALDO: 9

Non gli si può recriminare nulla. Dopo un avvio un po’ difficoltoso il fenomeno di Madeira comincia a fare quello che gli riesce meglio: goal. Arriva nel momento chiave della stagione con una forma fisca impressionante regalando, con una tripletta all’Atletico, il pass ai bianconeri per i quarti di finale di Champions League, dove segna di nuovo sia all’andata che al ritorno, sulle uniche due occasiuoni capitategli. Ha la voglia di un ragazzino, cosa che purtroppo manca a molti altri.

BERNARDESCHI: 8,5

É l’anno della consacrazione per Federico che matura enormemente sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista mentale, trovando sempre più spazio, fino alla conquista del posto da titolare.

BONUCCI: 8

C’era molto scetticismo sul ritorno in bianconero di Bonucci, rivelatosi però fondamentale. Inizialmente fischiato per il “tradimento”, con il passaggio al Milan e con tanto di esultanza al goal contro la Juve. Poi però la pace, e Leo torna ad essere leader.

LE PAGELLE:

SCZCESNY: 7

PERIN: 6

SPINAZZOLA: 7,5

DE SCIGLIO: 7

BONUCCI: 8

CHIELLINI: 9,5

BARZAGLI: 6

CACERES: 6

CANCELO: 8

PJANIC: 7

MATUIDI: 7,5

BENTANCUR: 7,5

KHEDIRA: 7

EMRE CAN: 8

BERNARDESCHI: 8,5

DYBALA: 6

CUADRADO: 5,5

DOUGLAS COSTA: 5,5

DYBALA: 6

MANDZUKIC: 7,5

KEAN: 7,5

RONALDO: 9

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento