Sarri alla Juve, rivoluzione in arrivo

Posted On 17 Giu 2019

Dopo tante parole, finalmente è arrivata la notizia dell’arrivo ufficiale di Maurizio Sarri in Bianconero, quasi un mese dopo l’esonero di Allegri.

Ecco il comunicato ufficiale apparso ieri pomeriggio sulla pagina dei bianconeri:

“Maurizio Sarri è il nuovo allenatore della Juventus

Il tecnico arriva al club bianconero dopo un anno in Inghilterra, al Chelsea: per lui contratto triennale

Ha appena concluso un’eccellente stagione sulla panchina del Chelsea, coronata, dopo il terzo posto in Premier League e la Finale di EFL Cup, con la vittoria, pochi giorni fa, dell’Europa League.

Dopo aver sollevato il suo primo trofeo continentale, adesso Maurizio Sarri ritorna in Italia, dove ha allenato per tutta la sua carriera, fatta eccezione, appunto, per l’esperienza inglese appena terminata. E da oggi, e per i prossimi tre anni (fino al 30 giugno 2022), guiderà la Juventus.

Sessant’anni, nato a Napoli e vissuto a lungo in ToscanaSarri intraprende nel 2001, dopo anni trascorsi nel mondo del calcio di categoria, la carriera di allenatore a tempo pieno.

Inizia così un’avventura che, dal 2005, lo porta nel campionato di Serie B, alla guida di Pescara, Arezzo e Avellino. La strada verso la Serie A, però, è ancora lunga: Sarri guida, il Verona, il Perugia, il Grosseto, l’Alessandria e il Sorrento, fra B e Lega Pro.

Poi nel 2012 inizia la storia con l’Empoli: Sarri sfiora la promozione nella massima serie già alla prima stagione (nella finale playoff vince il Livorno) e la raggiunge un anno dopo, concludendo il campionato al secondo posto.

L’Empoli si conferma una splendida realtà calcistica anche nella stagione successiva, in cui conquista con anticipo la salvezza matematica. Il 2015, per il tecnico, è l’anno dell’approdo al Napoli, e anche qui Sarri lascia il segno.

Con lui infatti la squadra partenopea raggiunge quota 82, 86 e 91 punti, dal 2015 al 2018: tutte le volte si tratta del record in Serie A per il Club, che conquista per 3 anni, due delle quali senza passare dai preliminari, la qualificazione alla Champions League.

Infine, nel 2018/19, come si diceva precedentemente, l’ottima stagione con il Chelsea, in Inghilterra, e il primo trofeo continentale per Sarri.

E adesso inizia per lui l’avventura in bianconero: benvenuto alla Juventus!”

Un cambio radicale in casa Juve, con un tecnico che predilige il bel gioco e lo spettacolo al fine di esaltare le qualità dei singoli.

La tifoseria è spaccata in due: da una parte la felicità di alcuni per l’arrivo dell’allenatore napoletano, sinonimo di bel calcio e divertimento; dall’altra lo scetticismo per colui che, fino a due anni fa, vestiva la maglia dei rivali del Napoli, e che non sembra rispecchiare il cosiddetto “stile Juve”.

Ora la parola spetterà al campo, e chissà se in panchina Maurizio si presenterà con la consueta tuta o in giacca e cravatta.

N Photography

Davide Clivio

Tag: ,
L'autore

Altri articoli

Lascia un commento