8 Gallery basket court 1180

Società Sanitaria di Mutuo Soccorso: i dati di un anno a Torino

Posted On 28 Nov 2014

smsCirca 1500 soci, oltre 1500 esami effettuati e 1000 visite eseguite. Sono questi i numeri che attestano il successo, a solo un anno dalla sua “rinascita”, di SSMS, la Mutua Privata Torinese che ha riproposto una formula antica rivelatasi straordinariamente necessaria oggi per la comunità: il mutuo soccorso sanitario.

Particolarmente curiosa la fascia di età dei pazienti, che va da 1 mese fino ai 98 anni, andando a coprire praticamente l’intero ciclo vitale: un dato che fa riflettere su quanto per le famiglie sia oggi indispensabile poter “investire” sulla propria salute davanti a delle spese sanitarie, come il ticket, in continuo aumento e delle liste di attesa divenute ormai infinite. Della totalità degli associati il 60% è costituito da donne, con un’età media di 54 anni e il 40% da uomini con un’età media di 56 anni: ogni paziente usufruisce almeno di 2 prestazioni, ma ci sono anche casi di chi ha superato le trenta prestazioni individuali. Ad oggi le tessere erogate sono state per il 77 % “singole” per il 12% “family” e per l’11% “Family plus.

Il bacino di utenza è dislocato per il 60% su Torino, sede e città natale di SSMS, per il 30% sulla provincia (tra i Paesi con il maggior numero di associati:  Moncalieri, Collegno, Rivoli, Venaria, Grugliasco, alcuni dal Canavese, dalla provincia di Cuneo, Asti, Monferrato)  e il 10 % fuori provincia di Torino.

Interessanti anche i dati emersi sui servizi più richiesti. Tra gli esami strumentali, in prima istanza: ecografie addome completo, ecocolordoppler arterioso, elettrocardiogramma RX torace; tra le visite, invece, quelle oculistiche, ortopediche, dermatologiche e cardiologiche.

Siamo molto orgogliosi, spiega Ugo Riba Vicepresidente SSMS, di aver raggiunto questi ottimi risultati dopo solo 12 mesi di attività e di aver dato, con questo nuovo strumento di welfare alternativo, il nostro piccolo contributo al territorio nell’approcciare un tema delicato come la salute. Ci impegneremo sempre di più per aiutare il mutuo soccorso a crescere sia in termini di numero di associati che in adesione di nuove strutture. Ci auguriamo – aggiunge – che altre realtà come la nostra possano nascere in Italia, magari riunendosi in futuro in associazione. In passato è stato così e funzionava.”

Diventare soci di SSMS è semplice. Basta acquistare la SSMS card (al costo di 70 euro per il singolo o 160 euro per la famiglia) per usufruire di diverse prestazioni in ambito medico, diagnostico e sanitario presso strutture convenzionate di primaria importanza: 4 a Torino, 1 a Cuneo, 2 a Genova e 1 a Milano con le quali la Mutua Privata SSMS ha ottenuto un tariffario particolarmente agevolato. Sulla base di questo tariffario la Mutua concorre alla spesa per il 50%; con ciò il costo per il cittadino è inferiore a quello del ticket del SSN.

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento