Splendido Toro: battuta la Roma 3-1, ora tutt’altra classifica


Con una rimonta gagliarda, dopo essere passato in svantaggio nelle primissime battute, il Toro ottiene la propria seconda vittoria consecutiva e si porta finalmente in una posizione di classifica decisamente più confortante rispetto a quanto visto in questi mesi.

Comincia male, per i granata. Dopo soli due minuti va in gol per i giallorossi Borja Mayoral: inizialmente l’arbitro annulla, ma, dopo richiamo del VAR, convalida. Ottima da subito la reazione del Toro, che per lunghi tratti della prima frazione schiaccia la Roma nella sua metacampo andando in numerose occasioni vicino al raddoppio, che viene però mancato un po’ per imprecisione, un po’ per sfortuna, un po’ per gli interventi di Mirante.

Altra musica nella ripresa. Il Toro – prevedibilmente – non appare più in grado di esercitare l’asfissiante pressione del primo tempo; ma tale dato, invece di portare alla supremazia di una Roma che nel frattempo accusa le fatiche di Coppa, accentua la qualità granata a scapito della quantità. Al 57′, l’ennesimo traversone di Ansaldi trova Sanabria pronto alla deviazione, sulla quale stavolta Mirante nulla può: 1-1.

Subìto il pareggio, la Roma vede rompersi il già fragile equilibrio tra concentrazione e energie: non pesa più soltanto la precedente partita di Coppa, ma anche il pensiero della prossima semifinale passando per il turno infrasettimanale di campionato. Ben lo intuisce Nicola, che inserisce Singo, Rincon e Zaza nell’evidente tentativo di portare a casa i preziosissimi tre punti. E proprio Zaza, entrato in campo da meno in minuto, al 71′ regala al Toro in vantaggio con la prima palla toccata nella sua partita, ribadendo in rete una corta respinta di Mirante su precedente tentativo di Belotti.

Per la Roma, è il colpo del KO. Entra sì in campo Dzeko, ma sparisce la formazione giallorossa. Toro sorprendentemente padrone del campo anche dopo il vantaggio, che viene così arrotondato nel recupero grazie a Rincon, che sfrutta bene l’ennesimo suggerimento di Belotti.

In virtù di questa fondamentale vittoria, il Toro aggancia Fiorentina e Benevento a quota 30 mantenendo cinque lunghezze di distacco sul Cagliari terzultimo. I granata hanno ora la possibilità di consolidare la ritrovata vena nel giro di soli tre giorni: mercoledì sera, per il turno infrasettimanale, in programma la trasferta in casa del Bologna dell’ex Sinisa Mihailovic.

Leave a Reply