Stop al commercio europeo con gli insediamenti illegali in tutti i territori attualmente occupati. Una petizione di ICE Iniziativa Cittadini Europei


Una petizione di ICE Iniziativa Cittadini/e Europei/e per fermare il commercio europeo con gli insediamenti illegali in tutti i territori attualmente occupati (come i territori palestinesi e Sahara occidentale).

L’iniziativa è partita il 20 febbraio, in occasione della giornata mondiale per la giustizia sociale, quando una coalizione formata da più di 100 organizzazioni per i diritti umani, nazionali ed internazionali, ha lanciato una campagna “ICE” per fermare il commercio europeo con gli insediamenti illegali in tutti i territori attualmente occupati (come i territori palestinesi e Sahara occidentale).

L’ICE Iniziativa Cittadini/e Europei/e è uno strumento ufficiale di democrazia partecipata previsto dall’Unione Europea e, se raccoglie un milione di firme di cittadini dell’UE nell’arco di 12 mesi, la Commissione europea deve considerare e discutere le richieste della petizione.

In questo caso l’ICE richiede una legislazione dell’UE che vieti il commercio con gli insediamenti illegali, ovunque e in qualsiasi momento, compreso il commercio con gli insediamenti illegali di Israele nella Palestina occupata.

Nonostante gli insediamenti illegali costituiscano un crimine di guerra, ai sensi del diritto internazionale, l’UE consente il commercio bilaterale con essi. Nel caso degli insediamenti israeliani, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha invitato gli Stati membri a non fornire loro assistenza e l’Unione Europea ha più volte dichiarato che costituiscono una flagrante violazione del diritto internazionale. Tuttavia, l’UE continua a commerciare con loro, e questo favorisce ed incoraggia la loro continua espansione.

Non si chiedono sanzioni, ma l’applicazione di una norma generale del commercio già esistente, nel rispetto del diritto internazionale.

La coalizione #StopSettlements, che sostiene l’ICE, è composta da ONG, movimenti di base, sindacati, associazioni, che operano a livello nazionale ed internazionale, come Human Rights Watch, ed altre realtà che si oppongono ai profitti derivanti da annessioni e occupazioni illegali, e chiede a tutti i cittadini europei interessati ai diritti umani, alla giustizia sociale, alla pace e al commercio equo di firmare la petizione.

Leave a Reply