Super green pass: ecco le nuove regole dal 6 dicembre per bar, ristoranti, hotel, negozi, trasporti


Da domani 6 dicembre e fino al 15 gennaio entra in vigore il tanto atteso green pass rafforzato per la gestione della pandemia.

Per ottenerlo occorre aver fatto la terza dose a 5 mesi dalla seconda, oppure essere guariti dal covid.

Il nuovo certificato è destinato a cambiare la vita degli italiani: dal lavoro agli spostamenti, alle attività di svago e dai ristoranti allo sci, le regole cambiano.

Ecco cosa si può fare con il green pass base, cosa è permesso con il green pass rafforzato e cosa invece è proibito a chi non è vaccinato.
I mezzi pubblici
Senza green pass base non si prendono aerei, navi, treni e traghetti e nemmeno bus e metropolitane .
Le feste di Natale
Possono spostarsi tutti, anche i non vaccinati, purché con la propria auto. I ragazzi minori di 12 anni possono prendere lo scuolabus anche senza green pass in zona bianca, gialla e arancione, ma chi ha compiuto i 12 anni deve mostrare il certificato base, che si ottiene con il tampone.
Restrizioni anche per chi va a sciare. In zona bianca, gialla e arancione chi non è vaccinato non può usare gli impianti di risalita chiusi come funivie e cabinovie, ma in bianca e gialla (in arancione no) può prendere skilift e seggiovie aperti.
Le mense
Nei luoghi di lavoro per mangiare nelle mense è sufficiente il green pass base.

Uffici pubblici, negozi e centri commerciali

Si accede sempre anche senza Green Pass. Nei centri commerciali, in caso di passaggio in zona arancione, per l’accesso ai negozi (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi) nei giorni festivi e prefestivi sarà necessario il Super Green Pass.

Strutture sanitarie

Per l’accesso dei visitatori a strutture sanitarie, socio-sanitarie, residenziali, socio-assistenziali e hospice è necessario il Green Pass base, indipendentemente dal colore della zona.

Per chi ha il vecchio Green Pass, invece, non sarà necessario scaricarne un altro. Lo stesso vale per i guariti dal Covid. Chi invece si sottopone ai test dovrà scaricare un nuovo pass ogni 48 o 72 ore a seconda che il tampone sia antigenico o molecolare.

In conclusione nel nostro paese accessi ovunque ai vaccinati e guariti, ingressi limitati a chi fa il tampone e negati ai No Vax.

Leave a Reply