Torino: al Maria Pia Hospital salvato paziente affetto da scompenso cardiaco terminale

Posted On 05 Ago 2019
  • L’Heart Team di Maria Pia Hospital guidato dal dottor Elvis Brscic, Responsabile dell’Unità Operativa di Cardiologia, ha operato un paziente di 75 anni con scompenso cardiaco in fase terminale mettendo in pratica una combinazione inedita di tecniche di cardiologia interventistica. Si tratta di un intervento mininvasivo, eseguito dunque per via non chirurgica, ma utilizzando le tecniche TAVI e MitraClip in abbinamento a un sistema di assistenza circolatoria, l’ECMO, modificato con l’inserimento di un drenaggio cardiaco aggiuntivo. “La combinazione non invasiva scelta è stata la sola possibilità di risoluzione completa, al paziente era stata esclusa la terapia chirurgica per via di un rischio operatorio di mortalità superiore al 50%. Sia la valvola aortica che la valvola mitralica presentavano un’insufficienza grave e la funzione contrattile cardiaca era severamente compromessa. Per via del quadro clinico drammatico, sembravano non esserci chance per il paziente”, commenta il dott. Brscic.
    L’intervento è durato circa sei ore. Ora l’uomo sta bene e si trova nella fase delicata della riabilitazione, cruciale per il completo recupero.

L'autore

Lascia un commento