Elezioni 2021 1180×45

Voghera: secondo un testimone Massimo Adriatici ha preso la mira e sparato. Resta ai domiciliari


L’assessore alla Sicurezza di Voghera Massimo Adriatici resta ai domiciliari. E’ accusato di eccesso colposo di legittima difesa per aver ucciso con un colpo di pistola il 39enne Youns El Boussettaoui.

Intanto al vaglio degli inquirenti la testimonianza di due testimoni oculari della lite in piazza a Voghera. Sembra che uno dei due, cittadino marocchino irregolare, avrebbe assistito a tutta la colluttazione, raccontando che l’assessore avrebbe “preso la mira” prima di sparare.

Avrebbe detto: “Ero a sei, sette metri dalla scena, ho visto un signore che stava parlando al telefono, Youns lo ha spinto e l’italiano è caduto in terra sulla schiena. A quel punto, mentre era sdraiato, ha estratto la pistola e gli ha sparato un colpo a sangue freddo. Dopo essere stato colpito, Youns è corso via con la mano sulla pancia e poi è caduto a terra”

Adriatici non si trova più nella sua abitazione, dove è ai domiciliari. La decisione di portarlo in un luogo segreto su richiesta della difesa in quanto su alcuni social sono apparse immagine dell’abitazione dell’uomo.

Secondo l’avvocato Pipicelli si è reso necessario per il serio e fondato pericolo della sua incolumità. 

Leave a Reply