Ciclismo, Androni Giocattoli Sidermec, dall’esclusione del Giro alle prossime gare: intervista al team manager Gianni Savio


Il prossimo 3 marzo si terrà il Trofeo Laigueglia, alla sua 58esima edizione. Tra le squadre partecipanti ritroveremo il team Androni Giocattoli Sidermec, per il quale è iniziato il training camp ad Alassio. Fino al 24 febbraio i corridori della storica squadra si alleneranno sulle strade della Riviera Ligure di Ponente.

La Androni Giocattoli Sidermec è al lavoro per preparare anche le prossime gare italiane, tra le quali mancherà il Giro d’Italia: nonostante la riconferma come miglior squadra italiana nel ranking mondiale è arrivata a sorpresa l’esclusione dal Giro.

Ne abbiamo parlato con lo storico Team Manager nonché commissario tecnico della nazionale venezuelana, Gianni Savio.

Un commento sull’esclusione dal Giro d’Italia

“Una vera ingiustizia, una vergogna sportiva la nostra esclusione dal Giro d’Italia. Lo dico con dati oggettivi: noi siamo stati la migliore squadra professional italiana da quattro anni a questa parte sia nel ranking mondiale UCI sia nel ranking europeo; inoltre, siamo stati per 3 stagioni consecutive i detentori della Ciclismo Cup, il campionato italiano a squadre”.

Quali sono gli obiettivi di questa stagione?

“Abbiamo iniziato la stagione in Venezuela vincendo e ottenendo due successi. La nostra caratteristica principale è il fatto che gareggiamo in tutto il mondo. Attraverso il Trofeo Laigueglia avremo il nostro esordio europeo, continueremo successivamente con corse importanti in Francia, Italia, Spagna, ritorneremo anche in America e infine andremo anche in Africa.

La nostra qualità più importante è l’internazionalità. Oltre a questo, un nostro punto di forza è la multietnicità: i nostri corridori provengono da Italia, Colombia, Ecuador, Ungheria, Ucraina, Croazia, Svizzera e anche Eritrea”.

Leave a Reply