Come risintonizzare la TV dopo l’8 marzo


La data dell’8 Marzo è stata cruciale per il nuovo standard televisivo in quanto ha sancito il passaggio al nuovo digitale terrestre dvb-t2, dunque, il termine ultimo per cambiare tv o comprare un decoder compatibile con una differente tecnologia di trasmissione.

Anche Rai 1Rai 2Rai 3Rete 4Canale 5, Italia 1 e La7 sono passate al cosiddetto standard mpeg4 a risoluzione full hd, e chi non ha un televisore idoneo non potrà più vedere i principali canali televisivi.

Come verificare se la Tv è compatibile

Se sintonizzando i televisori sui canali 100 e 200 riuscite a vedere una schermata con un riquadro bianco con la scritta “Test Hevc main” significa che la Tv è adatta alla ricezione del nuovo segnale. Non bisognerà dunque acquistare né una nuova Tv né un nuovo televisore. Basterà risintonizzare l’apparecchio.

Risintonizzare la TV: ecco come fare

La procedura di sintonizzazione è molto semplice, anche se le voci nei Menu potrebbero cambiare da apparecchio ad apparecchio. Per visualizzare correttamente i programmi sarà necessario effettuare dunque la risintonizzazione del proprio televisore o decoder al momento del passaggio alla nuova tecnologia trasmissiva.

Basterà:

  • selezionare dal telecomando del televisore o del decoder il tasto “menu
  • dalla lista scegliere “impostazioni” o “canali” e infine la sintonizzazione automatica o la ricerca automatica con modalità di sintonia DTV (digitale terrestre) oppure SAT (digitale satellitare).

Se, anche dopo aver effettuato tale procedura, il proprio dispositivo non risulterà abilitato a ricevere il segnale con la nuova tecnologia, i telespettatori potranno sostituirlo beneficiando dei Bonus messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico.

E chi non ha una TV o un decoder compatibile?

In questo caso si dovrà correre ai ripari cambiando tv o comprando un decoder.

Per venire incontro alla spesa che dovrà essere affrontata per cambiare il televisore o acquistare il decoder DVB-T2 da molte famiglie italiane, risulta previsto dal decreto legge del ministero dello Sviluppo Economico, pubblicato in Gazzetta ufficiale, un bonus fino a 30 euro.

Nel caso in cui il decoder dovesse costare meno, anche il bonus verrebbe erogato in maniera ridotta. Per accedere all’incentivo, le famiglie con reddito Isee fino a 20 mila euro dovranno scaricare un apposito modulo disponibile sul sito del MISE attraverso il quale autocertificheranno di avere diritto al contributo.

Oltre al bonus già attivo, esiste un nuovo bonus tv che permette a chiunque, senza presentare alcun Isee, di comprare scontato un apparecchio compatibile con il nuovo digitale terrestre. Si tratta in pratica di uno sconto del 20% (per un massimo di 100 euro) sull’acquisto di un nuovo apparecchio a seguito della rottamazione di uno venduto prima del 2018.

Leave a Reply