Eternit-bis: a Torino le prime due condanne

Posted On 23 Mag 2019

Quattro anni di reclusione. E’ la pena inflitta a Stephan Schmidheiny nel quadro del primo filone del processo Eternit Bis. Soltanto due casi tra i più di duecento che il processo aveva ad oggetto inizialmente, i soli due ad essere rimasti a Torino dopo lo spacchettamento del processo. Resta però Torino – non solo cronologicamente – la sede pilota dell’intera vicenda, e il riconoscimento della colpevolezza di Schmidheiny per i due morti dello stabilimento di Cavagnolo traccia un percorso, che potrà forse proseguire a Reggio Emilia, a Napoli e soprattutto a vercelli, dove si procederà per i morti di Casale.

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento