Jeep: in calo nel 2020, ma a novembre +18% nelle vendite


Il 2020 è stato senza dubbio un anno difficile a causa della pandemia ancora in corso. Tra i settori più colpiti, si annovera sicuramente quello automobilistico. Nei primi 11 mesi di quest’anno infatti, le vetture vendute sono state il 25% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. In linea con il mercato, ne ha risentito anche il gruppo FCA, che però può consolarsi con almeno una nota positiva nel mese di novembre 2020, cioè i risultati ottenuti da Jeep. Nel mese appena trascorso infatti, il marchio americano ha fatto segnare in Italia un +18% nelle unità consegnate. Dati in linea con quelli delle vendite in Europa, sempre considerando come riferimento il mese di novembre 2020. In questo periodo infatti, Jeep ha registrato oltre 15 punti percentuali di aumento nelle vendite.

Tornando nel nostro Paese, il brand delle sette feritoie ha potuto contare su due modelli molto amati dagli italiani. Si tratta di Compass e Renegade, prodotte entrambe nello stabilimento lucano di Melfi. La prima ha visto 3680 unità vendute a novembre 2020 (+60% rispetto allo stesso periodo del 2019), mentre la seconda 3298 (+39%). Ottimi i risultati della Compass 4xe, con quasi 1000 unità consegnate, che la rendono l’ibrida plug-in più venduta in Italia nel 2020. La versione analoga della Renegade si è fermata, invece, poco oltre le 300 unità.

Il totale delle vendite in Italia di Jeep nel 2020 arriva per il momento a 54mila vetture, con una flessione del -28%, confrontando i dati con quelli dei primi undici mesi del 2019. Un risultato, come già anticipato, che segue il trend del mercato, ma con la speranza di un 2021 di ripresa.

Leave a Reply