La Sindaca Appendino mette un freno alla movida selvaggia in piazza Vittorio, San Salvario, Vanchiglia e Borgo Rossini. Stop agli alcolici da asporto dalle 21


Via Giolitti ambo lati, via delle Rosine ambo lati, via Po ambo lati, piazza Vittorio Veneto, via Giulia di Barolo ambo lati, via Verdi ambo lati, via Roero di Cortanze ambo i lati, corso San Maurizio, Lungo Po Diaz, Lungo Po Cadorna; corso Regina Margherita, via Napione ambo i lati, corso San Maurizio; corso Regio Parco, corso Verona, Lungo Dora Firenze; corso Dante (ambo i lati), via Nizza, corso Vittorio Emanuele II, corso Massimo D’Azeglio.

Sono le strade di Torino interessate dalla nuova ordinanza anti-movida della Sindaca Appendino, che prevede che, nelle sere di giovedì, venerdì, sabato e prefestivi, dalla mezzanotte alle 3 del giorno successivo, i locali notturni possano somministrare bevande alcoliche o superalcoliche solamente all’interno dello spazio di somministrazione autorizzato e appositamente destinato al consumo dei prodotti e tramite servizio assistito al tavolo.

Previsto anche lo stop alla vendita di alcolici da asporto a partire dalle 21. 

L’obiettivo è di contrastare la movida incontrollata nelle zone frequentate dai giovani, in piazza Vittorio Veneto, San Salvario, Vanchiglia e Borgo Rossini, in seguito anche a proteste dei cittadini per il rumore e al rischio di assembramenti in una situazione pandemica non ancora risolta.

Nella stessa ordinanza è previsto anche che a partire da giovedì 22 luglio, negozi di vicinato dovranno chiudere alle 21, sempre nelle serate i giovedì, venerdì e sabato.

Gelaterie e pizza al taglio potranno rimanere aperti fino a mezzanotte.

Leave a Reply