Le buone notizie della settimana in Piemonte

Posted On 15 Nov 2013

"GOOGLEGLASS4LIS" a wearable device for the deafPositivo il primo bilancio dell’accordo tra Fondazione Michelin Sviluppo e Eurofidi per incentivare l’occupazione sul territorio piemontese. I primi dodici mesi hanno portato alla creazione di 57 nuovi posti di lavoro da parte delle otto imprese che hanno beneficiato della sovvenzione. Altre quattro pmi completeranno l’iter entro il 2013, portando così a 71 il totale dei posti di lavoro creati.

Percorso di visita guidato per sordi all’Egizio di Torino che parla la lingua dei segni. Sperimentale e unico al mondo l’occhiale di Google testato dal museo torinese.

A Torino parcheggi gratis in centro nelle domeniche natalizie. Mossa anticrisi del Comune in accordo con i commercianti, che lamentano un netto calo del giro d’affari e confidano nell’incentivo.

Una riduzione del 30% sull’abbonamento annuale per il trasporto pubblico locale a Torino per i pensionati ultrasessantacinquenni è stata approvata dal comune. Il provvedimento riguarda gli anziani con il reddito tra 36 mila e 50 mila euro, mentre a quelli inferiori del 36.151,98 euro annuale aspetta una riduzione del 50%. Il provvedimento entrerà in vigore il primo dicembre di quest’anno.

Proporre alle aziende agroalimentari un sistema di valutazione che rilevi in modo oggettivo quanto la loro attività risponda ai criteri di “buono, pulito e giusto”. È questo l’obiettivo del progetto Indice di Pollenzo dell’Università di Pollenzo, finanziato dalla Camera di commercio di Torino. L’ottica è quella di garantire un costante miglioramento nei confronti dei consumatori.

Per la chimica «verde» e le collaborazioni internazionali la novarese Catia Bastioli nominata Cavaliere: il premio sarà consegnato dal Presidente Napolitano martedì al ministero dell’Ambiente. La manager-scienziata guida la Novamont, un’azienda con 323 addetti che detiene mille brevetti.

Nei giorni del Torino Film festival si terrà a Torino una delle aste più importanti a livello mondiale. Protagonisti i manifesti cinematografici e pubblicitari dagli anni 30 a oggi: un milione, provenienti da una collezione privata. L’asta presso la San Carlo è un’occasione unica e per tutte le tasche.

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento