Partita del Cuore, Boosta: «Ci divertiamo e aiutiamo la Ricerca»

Posted On 04 Mag 2017

Modifiche

DJ, produttore discografico, presentatore televisivo, presentatore radiofonico e cantante. Difficile racchiudere Davide Dileo, in arte Boosta, con un solo termine. Perché è l’eclettismo che lo ha sempre contraddistinto e lo caratterizza ancora oggi. Famoso per aver fondato lo storico gruppo torinese Subsonica, Boosta si è anche imposto in televisione, fra i maestri dell’ultima edizione del talent show Amici. E ora, con l’ultimo disco “La stanza Intelligente”, sta ottenendo grandi consensi nel panorama musicale italiano. Ma che cos’è la stanza intelligente? Ci pensa Boosta stesso a spiegarlo ai microfoni di Zipnews: «La stanza intelligente è uno spazio franco in cui riflettere su se stessi. Siamo influenzati costantemente da ciò che succede all’esterno e io ritengo che avere uno spazio in cui ascoltarsi. E ascoltarsi di più potrebbe portare a commettere meno errori».

Gli orizzonti della musica cambiano e Boosta ha un parere tutto personale su come si stia evolvendo il mondo a cui appartiene: «La musica è cambiata. Quando usciva un album c’era un tempo di gestazione molto lungo. Allora comprare un disco significare comprare il disco, il proprio disco. Oggi la digitalizzazione della musica ha tanti aspetti, positivi e negativi – spiega il cantante torinese -. Positivi perché si può dare spazio alla curiosità, negativi perché accorcia i tempi di attenzione. Se ascoltassimo buona musica sicuramente ci farebbe bene, anche dal punto di vista della salute. La musica è funzionale alle emozioni della persona. Il valore di una canzone è tutto racchiuso nella sensibilità di chi ascolta. Stanno cambiando i parametri di ricerca e attenzione alla musica, ma la situazione per me resta buona».

Intanto prosegue la marcia di avvicinamento alla Partita del Cuore, in programma il prossimo 30 maggio a Torino allo Juventus Stadium. L’evento, che unisce personaggi dello sport e dello spettacolo grazie alla partecipazione della Nazionale Italiana Cantanti, ha uno scopo nobile: la raccolta fondi per sostenere la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro e la Fondazione Telethon. L’obiettivo è quello di superare il record di 2 milioni e 111 mila euro, ottenuto con grandi sforzi nell’ultima edizione torinese del 2015. La partita sarà trasmessa in diretta in prima serata su Rai Uno e sarà presente anche Boosta, che con la Nazionale Cantanti sfiderà i Campioni della Ricerca. L’emozione è tanta e il volto noto della musica torinese non la nasconde: «Mi collocherò fra difesa e centrocampo, ma non sulla fascia perché si fa troppa fatica. Manca sempre meno e sono sicuro che sarà un evento meraviglioso. Daremo sicuramente tutto e ci saranno grandi campioni in campo. Ma il vero obiettivo è sfondare il record di solidarietà del 2015. Più soldi raccogliamo in modo divertente, più saremo in grado di poter fare del bene per tantissime persone. Candiolo è l’esempio di come trasparenza, correttezza e attenzione siano riuscite a fondersi, creando una struttura che può dare una mano a tantissima gente: il futuro si può cambiare grazie alla ricerca».

L'autore

Altri articoli

Lascia un commento