Toyota C-HR, il crossover giapponese che piace agli europei


Presentata la nuova versione del Toyota C-HR. Più digitale. Più tecnologica. E anche più elettrica. Una vettura che guarda al comfort, alle prestazioni su strada e anche all’ambiente.

Toyota C-HR, un suv pensato per la città

La Toyota C-HR è arrivata nel mercato europeo nel 2017. Era un piccolo suv perfetto per la città, infatti al mercato europeo piacque molto: quasi un milione le vendite. Per questo arriva una nuova versione, adatta al 2024: 2.0 di cilindrata Plug-In Hybrid.

Il suo motore è composto da una parte elettrica da 163 cavalli sull’asse anteriore e da un motore termico da 2,0 litri con 152 cavalli. Dunque in totale abbiamo 223 cavalli e un’accelerazione da 0 a 100 Km/h in 7,4 secondi. Questo sistema motoristico no prevede frizione e di conseguenza si evitano l’attrito e l’usuro, facendo cosi consumare meno carburante pari a 1 litro ogni 100 Km.

La nuova C-HR presenta anche un sistema innovativo di climatizzazione: una pompa preleva il calore dall’esterno per supportare appunto la climatizzazione dell’abitacolo, riducendo cosi l’uso della batteria e di conseguenza dei consumi.

Nuovo anche il caricabatteria, chiamato “di Bordo”, da 6,6 Kw e che consente alla vettura di ricaricarsi da zero al 100% in meno di due ore e mezza. Inoltre è possibile anche la ricarica tramite la presa domestica grazie al cavo di ricarica Mode 2 fornito di serie.

Tecnologia e sicurezza

La Toyota CH-R è dotata al suo interno di un display touchscreen da 12,3 pollici, che è connesso al Toyota Smart Connect per un’esperienza multimediale più digitale e tecnologica vista la presenza dell’assistente vocale e la connessione wireless per smartphone tramite Apple Carplay o Android Auto.

Inoltre, l’abitacolo del nuovo C-HR vanta anche una migliore qualità dell’aria grazie alla tecnologia nanoeX™ che diffonde microscopiche gocce d’acqua per purificare l’aria, rimuovere gli allergeni, ridurre gli odori e idratare la pelle degli occupanti.

Toyota-C-HR-4-1024x683 Toyota C-HR, il crossover giapponese che piace agli europei

In chiusura parliamo di sicurezza. In questa vettura è presente il Toyota T-Mate che include una vasta gamma di funzioni. Innanzitutto abbiamo i Pre-Collision System e Proactive Driving Assist che monitorano la strada in caso di incidenti. Poi troviamo il Lane Assist che offre il mantenimento della carreggiata. Il tutto abbinato al Driver Monitor Camera che monitora lo stato del conducente e che è collegata all’Emergency Driving Stop System, mentre il sistema di abbaglianti adattivi regola i livelli di luce anteriore per ridurre al minimo l’abbagliamento dei veicoli in arrivo.

Leave a Reply