ContemporaryArt 1180×45

Un successo il bonus bici. Da metà luglio l’App per lo sconto immediato


La bicicletta è sempre stato uno sport e un mezzo di trasporto molto amato in Italia.

E il successo del “Bonus Bici” (effetto del Decreto Rilancio) ne è una conferma. 

Mai come in queste settimane sono state acquistate così tante biciclette tradizionali e a pedalata assistita, tanto che la dotazione economica iniziale di 120 milioni di euro prevista dal Governo, potrebbe salire a oltre 200 milioni, per permettere a tutti coloro che vogliono di poter usufruire del bonus.

Il “Bonus Bici, che in realtà si chiama “Bonus mobilità”, è un contributo pari al 60% della spesa per acquisto di biciclette nuove e usate, sia tradizionali sia a pedalata assistita, handbike nuove e usate, monopattini, hoverboard e segway.

Fino a un tetto massimo di spesa di 500 euro. 

Non riguarda l’acquisto di accessori e componentistica o riparazioni di mezzi già posseduti, ma può, invece, essere richiesto per i servizi di mobilità condivisa, come scooter sharing e bike sharing. 

Il bonus può essere richiesto fino a fine anno.

Da quando è entrato in vigore sino alle prossime settimane, il rimborso del 60% dell’acquisto è avvenuto sul conto corrente del beneficiario.

Da metà luglio sarà a disposizione una App, che consentirà di ottenere un buono sconto, da utilizzare direttamente in negozio al momento dell’acquisto.

L’acquisto deve essere effettuato da maggiorenni, con residenza in capoluoghi di regione, di provincia e nei comuni delle città metropolitane.

Se si vive invece in comuni che non fanno parte di città metropolitane, questi devono avere una popolazione superiore ai 50.000 abitanti.

Nel 2021, il bonus proseguirà, ma a fronte di una “rottamazione” di veicoli inquinanti, come auto fino alla classe Euro 3 o motocicli fino alla classe Euro 2 (Euro 3, se a due tempi).

Questi nuovi bonus, oltre agli acquisti di biciclette e degli altri mezzi già concessi quest’anno, potranno essere utilizzati per l’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale.

Leave a Reply